Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 24 ottobre 1973: 49 anni fa nasceva Vincent Candela (FOTO/VIDEO)

Tanti auguri Vincent Candela

Vincent Candela nasce a Bédarieux, in Francia, il 24 ottobre 1973. Inizia la sua carriera calcistica nel 1992 al Tolosa, dove resta fino al 1995 per poi passare al Guingamp e, nel gennaio 1997 alla Roma.

Il passato alla Roma

Nella Capitale il laterale francese è titolare per sette stagioni, prima come difensore sinistro nel 4-3-3 zemaniano, e poi come esterno di centrocampo con Fabio Capello. Alla Roma Candela resta per nove stagioni, vincendo tra l’altro uno Scudetto ed una Supercoppa Italiana, vincendo e segnando contro la Fiorentina.

Gli ultimi anni della sua carriera calcistica

Dopo gli anni a Roma, nel gennaio 2005 passa agli inglesi del Bolton, dove resta fino al termine della stagione, per esser poi ingaggiato dall’Udinese allenata da Serse Cosmi; qui torna a disputare la Champions League realizzando un gol nella trasferta vittoriosa dei bianconeri in Grecia contro il Panathīnaïkos.

Va a segno anche nella partita casalinga contro la Lazio con un gol di pallonetto, partita vinta dai friulani per 3 a 0. Nell’estate 2006 viene ingaggiato dal Siena e nel gennaio 2007 dal Messina.

Il ritiro

Il 5 giugno 2009 si ritira ufficialmente dal mondo del calcio, giocando una partita d’addio organizzata in suo onore allo Stadio Olimpico davanti a più di 40 000 tifosi giallorossi, che vede affrontarsi la Roma Campione d’Italia 2000-2001 e la Francia Campione del Mondo 1998. La partita si conclude con il risultato di 5-3 per la Roma.

Il 22 luglio 2014 entra a far parte della Hall of Fame della AS Roma.

La nazionale

Candela ha collezionato 40 apparizioni con la maglia della Nazionale francese, segnando 5 gol. Il suo utilizzo in squadra è stato spesso ostacolato dalla presenza, nel suo stesso ruolo, di Bixente Lizarazu. Candela è stato presente nella selezione nazionale alle Olimpiadi del 1996, nel mondiale vinto in casa nel 1998, al trionfo ad EURO 2000 ed anche al mondiale nippo-coreano del 2002.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord