Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pellegrini si ferma: l’Europa è in dubbio

A Helsinki in forse anche Matic e Karsdorp. Assente Zaniolo

Dopo la sconfitta, la beffa: Mourinho dovrà fare i conti anche con il possibile forfait di Pellegrini in coppa. Il capitano al 28′ riceve un pestone alla caviglia da Lobotka che lo lascia a terra cinque minuti. Immediati i soccorsi medici che provano ad anestetizzare la parte contusa con il ghiaccio spray. Lorenzo riesce a terminare la partita ma alla fine Mourinho rivela che ha chiesto il cambio per un problema al flessore. Al momento è in dubbio per la trasferta ad Helsinki di giovedì prossimo, una partita chiave per l’accesso ai play-off di Europa League dove sarà assente Zaniolo per via della squalifica di due giornate inflitte dalla Uefa. Se Lorenzo non ce la farà resterà a Trigoria.

Si aprirebbe un emergenza a centrocampo: sarà confermato Camara con Cristante, qualche dubbio su Matic che ieri non è partito titolare per infortunio: “Si è messo a disposizione per aiutare 10/15 minuti” ha spiegato il portoghese. Non ha i 90 minuti nemmeno Karsdorp che ha finito la partita con una borsa del ghiaccio sul ginocchio sinistro: “Non poteva nemmeno sedersi a fine primo tempo altrimenti il ginocchio si sarebbe gonfiato” spiega Mou. A proposito a fine partita c’è stato un parapiglia con l’arbitro che ha estratto un cartellino rosso indicando il preparatore atletico Rapetti. Le immagini televisive mostrano l’arbitro indicare in lontananza il collaboratore di Josè che viene fermato da Spalletti. Solo in seconda battuta arriva Karsdorp che va a chiedere spiegazioni a Irrati, forse in maniera troppo impetuosa. L’esterno si avvicina al direttore di gara, addirittura con un accenno di testa a testa. A quel punto, per errore, Irrati gli pesta il piede e l’olandese lo spinge per allontanarlo

Lo scrive Il Messaggero

23 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

23 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa