Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Wijnaldum, buoni segnali. Sta per iniziare la fase 2

L’olandese procede nel recupero dalla frattura della tibia

Eccolo. L’abbiamo visto con i nostri occhi, a due mesi e mezzo dalla prima e unica volta: Gini Wijnaldum domenica sera era all’Olimpico per assistere a Roma-Napoli da uno dei palchetti dell’area vip della tribuna Monte Mario. Felpa bianca, cappellino da baseball nero, sorriso stampato in faccia. Sembrava per un attimo di rivivere il primo giorno romano, quando scese dall’aereo privato dei Friedkin e spuntò dalla porta scorrevole dell’aeroporto di Ciampino. Invece Mourinho per compensare la sua “assenza drammatica” come l’ha definita, dovrà aspettare sicuramente l’inizio del 2023.

Ma i segnali di una convalescenza produttiva ci sono. Wijnaldum è entrato allo stadio a passo svelto, senza stampelle, esponendo educatamente il biglietto con il telefono agli steward che vigilavano sugli ingressi. Ovviamente lo avevano riconosciuto tutti, chiedendogli un selfie quasi ad ogni passo. “Sto bene, sempre meglio” ha detto lui ai tifosi, rassicurandoli sulla prossima guarigione. La Roma non ha potuto dedicargli una vittoria ma almeno può adesso pianificare l’ultima parte della riabilitazione, la fase 2. Si tratta di un lento e costante processo di equilibratura tra le terapie funzionali e il percorso di recupero atletico. Wijnaldum ha scelto di essere seguito da una struttura di sua fiducia a Rotterdam, dove ha completato brillantemente ogni test al quale è stato sottoposto. I medici della Roma hanno seguito la riabilitazione a distanza, confrontandosi con i colleghi olandesi, ricevendo negli ultimi giorni l’intera cartella clinica.

La frattura composta alla tibia, capitata il 22 agosto in un allenamento a Trigoria quale conseguenza di uno scontro con il giovane Felix, si è essenzialmente saldata anche senza l’intervento chirurgico. Ma proprio la decisione di Wijnaldum, che avendo perso il volo per il Mondiale ha preferito non operarsi, ritarderà di qualche settimana il ritorno all’attività agonistica. Mourinho lo aspetta per la ripresa post Qatar, il 4 gennaio contro il Bologna, ma non è escluso che il rientro slitti ancora. A seconda dei progressi, poi, la Roma deciderà se portarlo in Giappone per il breve tour di fine novembre o almeno per il successivo ritiro in Algarve, in Portogallo. Teoricamente, se non ci saranno inconvenienti, Wijnaldum potrebbe ricominciare a breve a correre in palestra. Per poi sottoporsi a una nuova preparazione atletica che gli consenta di essere in buone condizioni dopo la sosta. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa