Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 28 ottobre 2006: Ferrari regala tre punti contro l’Udinese

La Roma di Luciano Spalletti torna alla vittoria grazie al gol del centrocampista nel secondo tempo. I giallorossi raggiungono il terzo posto in classifica

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Gol dell’AS Roma (@goldellaroma)


Il 28 ottobre del 2006 la Roma torna a vincere, anche se di misura, sul campo dell’Udinese. Gli uomini di Spalletti vengono da due pareggi e una sconfitta, e hanno estremo bisogno di punti se vogliono sperare di raggiungere il vertice della classifica. Contro però ci sono i bianconeri di Galeone, intenzionati a lottare con le unghie e con i denti per non concedere nulla agli avversari.

In effetti la partita resta in sostanziale equilibrio per tutto il primo tempo, salvo qualche giocata di un Di Natale ancora acciaccato ma comunque in partita. Nella ripresa la Roma accelera e cerca di trovare il vantaggio: al 66′ finalmente i giallorossi passano a condurre. Su calcio di punizione dalla sinistra, Iaquinta cerca di spazzare ma invano. La palla finisce davanti ai piedi di Ferrari, che a tu per tu con De Sanctis non si lascia sfuggire questa ghiotta occasione. La Roma passa a comandare, ma la partita è ancora lunga. Dopo pochi minuti però l’Udinese si ritrova anche in inferiorità numerica, visto il fallaccio di Muntari che costa al giocatore il rosso diretto. I padroni di casa non mollano e cercano di riaprire la partita, e per poco non ci riescono, creando tre occasioni da gol in pochissimi minuti. Bertini si porta in bocca il fischietto e sancisce la fine della sfida, la Roma vince e agguanta il terzo posto in classifica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord