Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Sognando De Rossi, è l’ora di Faticanti: “Io lo volevo rugbista”

Il sogno del giovane giallorosso

“Era il mio sogno fin da bambino”. Aveva quattro anni Giacomo Faticanti quando ha cominciato a tifare Roma grazie al papà. I 13 minuti contro l’Helsinki sono stati il coronamento di un percorso faticoso, portato avanti con costanza e grandi rinunce. La famiglia di Giacomo è romana, il papà Paolo la definisce “equilibrata”, perché è una di quelle che per generazioni ha fatto dello studio e del lavoro i cardini della vita. Un esempio per il ragazzo che ha visto sin da piccolo il padre lavorare nella farmacia di famiglia di Sora e sacrificarsi per accompagnarlo tutti i giorni agli allenamenti con il Frosinone.  “E pensare che avevo cercato di coinvolgerlo verso il rugby, perché mi sembrava uno sport più nobile, poi ha cominciato a giocare a pallone e la natura ha fatto il suo corso”. Faticanti è arrivato a Trigoria a 14 anni nella stagione 2018/19 grazie all’intuizione di Alessandro Floris osservatore della scuderia di Davide Lippi: “Insieme a lui abbiamo deciso di portarlo alla Roma anche se c’erano altre squadre interessate come Genoa, Fiorentina e Juventus. Ma la Roma mi sembrava quella più strutturata”, dice il padre.

Adesso fa la spola tra la prima squadra e la Primavera (di cui è capitano), anche se Mourinho ha intenzione di farlo allenare in pianta stabile con i grandi: “È un tecnico impattante perché è magnetico, anche senza parlare e senza avere un atteggiamento diretto. È talmente ammantato di questa aurea di grande personaggio sportivo che già venire allenato da lui è uno stimolo”, spiega papà Paolo. L’esordio con la Roma dopo quattro convocazioni in prima squadra è stato motivo d’orgoglio per tutta la famiglia: “È una contentezza che cerco di contenere perché siamo solo agli inizi”. E poi, c’è quella passione per Daniele De Rossi nata quando era sugli spalti dell’Olimpico seduto accanto al papà: “Si conoscono e si stimano reciprocamente, ma Giacomo vive nel suo mito. Lo ha affascinato come giocatore e poi anche quando l’ha conosciuto come persona”. E chissà se un giorno diventerà suo allenatore alla Roma: “Sarebbe la conclusione di un percorso di affetti che si rincorrono”. E sul futuro di Giacomo, papà Paolo non si fa illusioni: “Il sogno è restare alla Roma, ma solo due campioni come Totti e De Rossi ce l’hanno fatta. Tanti altri hanno cercato una strada da un’altra parte e poi sono tornati, questo può essere il nostro obiettivo più concreto”. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa