Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

El Shaarawy: “Soddisfatto per il gol e per la vittoria. Importante restare agganciati alla vetta”

Le parole del Faraone al termine del match

Stephan El Shaarawy ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine del match vinto per 3-1 in casa del Verona dai giallorossi. Queste le sue dichiarazioni:

Che bel gol, sei stato lucido, mi ricorda un gol di Totti contro il Torino. Sei soddisfatto?

“Sì. Sono soddisfatto del gol, che è il 50esimo, e anche della vittoria, che è stata sofferta purtroppo anche questa volta ma ottenuta con grande sacrificio e spirito che ci permette di essere quarti. Ci fa bene e ci fa arrivare a giovedì con tanta fiducia”.

Riuscite sempre in questi casi ad avere lo spunto giusto, è un segno di maturità?

“Sì, è la mentalità e deve essere quella di una grande squadra: chi gioca e chi subentra deve avere sempre la testa per fare la differenza. La squadra ha grande qualità, creiamo tanto e concretizziamo un po’ di meno, su questo aspetto dobbiamo migliorare. Ma la mentalità è quella di fare sempre la differenza, sia chi gioca dall’inizio sia chi entra dopo. Quelli che sono entrati oggi hanno fatto il loro e lo hanno fatto bene”.

La Roma è quarta in un campionato equilibrato

“La Roma è là ed era importante agganciati alle prime posizione. Questa vittoria è un segnale che non molliamo mai, fino alla fine cerchiamo la vittoria e oggi è arrivata”.

Questa Roma è sufficiente per battere Ludogorets e Lazio?

“Penso che a prescindere da queste due partite la Roma abbia grande qualità. In alcune partite si può fare meglio in fase realizzativa, se miglioriamo questo aspetto possiamo fare male a chiunque”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra