Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Spinazzola si ferma: è allarme a Trigoria

Spinazzola si ferma: lesione muscolare per l’esterno

Un altro stop, un altro intoppo: Leonardo Spinazzola si è fermato in allenamento per una lesione muscolare e quasi certamente tornerà a disposizione della Roma soltanto nel 2023, arricchendo la pattuglia di rinforzi che già comprende Wijnaldum, Dybala e il nuovo acquisto Solbakken.

Spinazzola non era in forma smagliante, anzi a parte la buona partita di San Siro aveva spesso faticato a ritrovare la migliore condizione dopo il terribile crack del tendine d’Achille, ma era comunque un’alternativa di livello a disposizione di Mourinho in questa raffica di partite che porterà alla sosta mondiale.

Stasera a Verona giocherà Zalewski, riportato a sinistra, con Karsdorp rilanciato a destra. Ma le opzioni in panchina diminuiscono perché Celik, convocato per la trasferta veneta, è appena rientrato dall’infortunio al ginocchio.

A Trigoria suona l’allarme. Dopo una stagione complessivamente positiva nella gestione clinica dei calciatori, quello di Spinazzola è l’ottavo guaio di natura muscolare (Dybala e Kumbulla due volte, più Zalewski, El Shaarawy, Matic e appunto Spina) che si aggiunge a cinque infortuni traumatici (Wijnaldum, Zaniolo, Karsdorp, Celik e Darboe). Non è un problema che riguarda solo la Roma, evidentemente. Ma in una rosa depotenziata dai due grandi colpi del mercato, Dybala e Wijnaldum, Mourinho deve spremere anche i giocatori che non stanno bene – vedi Pellegrini – per allestire una formazione competitiva. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa