Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

L’infortunio e il ricorso: Zaniolo aspetta risposte

Oggi l’esito del ricorso per l’ultima di Europa League

Un grosso ematoma alla coscia sinistra tiene in ansia Nicolò Zaniolo e la Roma. La botta presa contro il Verona naturalmente spaventa il club giallorosso, i tifosi e lo stesso giocatore che lunedì ha chiesto il cambio per evitare di aggravare la situazione e prevenire ulteriori problemi. A quattro giorni dal derby tutti a Trigoria vogliono preservare il ragazzo che qualche ora dopo la partita ha visto comparire sulla coscia un grosso ematoma che naturalmente lo ha preoccupato. Ieri Nicolò ha svolto un tranquillo lavoro in palestra, come tutti gli altri giocatori che hanno giocato al Bentegodi, mentre oggi lo staff sanitario della Roma potrebbe decidere di sottoporre il ventitreenne agli esami strumentali per capire l’entità dello stop: se quindi si tratta soltanto di un ematoma o se invece quel colpo subito col Verona ha causato un infortunio più importante e che quindi lo costringerebbe a saltare anche il derby. Per ora a Trigoria vige un cauto ottimismo.

Questo pomeriggio alle 16 l’allenamento di rifinitura pre Ludogorets che potrebbe svolgere individualmente per preservarsi in vista del derby.  Sebbene la Roma aspetti a prescindere un verdetto sulla sua possibile presenza in campo giovedì sera. Perché per oggi è attesa la comunicazione da parte della Uefa su ricorso presentato dal club giallorosso sulla sua squalifica di tre giornate. La Roma ha chiesto lo sconto di un turno, ritenendo eccessiva la sanzione all’attaccante: in giornata sono attese novità quantomeno per capire se sia il caso o meno di cercare il recupero del ragazzo per la gara di domani col Ludogorets (qualora non ci fosse bisogno degli esami strumentali) o se invece lasciarlo a riposo per altre ventiquattro ore. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa