Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 13 novembre 1961: tripletta di Manfredini e gol di Orlando. La Roma affonda la Lazio

Gli uomini di Foni schiantano la Lazio nel derby della capitale. Decisiva la tripletta di Manfredini, straordinario Selmosson. Roma prima in classifica

Il 13 novembre del 1961 la Roma vinceva 0-4 nel derby contro gli storici rivali della Lazio. I giallorossi cercano la vittoria per consolidare il primo posto in classifica mentre la Lazio, ultima, vuole scuotersi dal torpore e cercare di riprendere in corsa una stagione drammatica. La sfida è serrata, ma dopo 22 minuti la Roma dimostra di avere un altro passo rispetto agli eterni rivali: Selmosson si invola sulla sinistra, evita i difensori biancocelesti e serve Manfredini che insacca.

Dopo soli 3 minuti arriva il raddoppio giallorosso, sempre firmato dall’argentino: splendida involata del centravanti, che supera in velocità l’intervento del portiere Pezzullo e deposita in porta la rete dello 0-2. Prima del fischio finale del primo tempo c’è tempo anche per il terzo gol di Manfredini: al 37′ si ripete la scena del primo gol. Palla a Selmosson che sulla sinistra buca la difesa laziale, vede l’argentino in area e lo serve. 0-3 e partita virtualmente terminata nei primi 45 di gioco.

La ripresa è pura amministrazione per la Roma, che evita gli sporadici pericoli della Lazio e anzi trova anche il gol del definitivo poker. All’83’ è ancora lo svedese, ex della sfida, a servire la palla giusta per Orlando, che solo a porta vuota insacca il quarto gol giallorosso. La Roma vince e prende in mano la classifica a 11 punti, la Lazio è sempre più ultima.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord