Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Qatar 2022

Uruguay-Corea del Sud 0-0, tante occasioni ma nessuna rete

Gara intensa, con palo di Godin e Valverde per la Celeste e almeno due marcature fallite davanti al portiere dagli asiatici

La gara d’apertura del Gruppo H, giocata all’Education City Stadium, vede tanto ritmo da una parte e dall’altra del campo in particolare da parte degli asiatici. Hwang Ui-Jo si divora il gol al 35’, poi l’ex Cagliari Godin colpisce il palo (43’) prima dell’intervallo. Nella seconda frazione le due contendenti continuano a non risparmiarsi, alla ricerca del vantaggio.

Il tecnico uruguagio Alonso (64’) si affida a Cavani al posto di Suarez, per cercare di dare una svolta al match. L’ex Napoli sfiora la marcatura con un tiro a giro al minuto 82. Sette minuti dopo altro palo per l’Uruguay, stavolta centrato da Valverde. Un minuto dopo incredibile errore di Son, davanti a Rochet. La gara, dopo 7’ di recupero, si chiude sullo 0-0.

TABELLINO

URUGUAY-COREA DEL SUD 0-0

MARCATORI: –

URUGUAY (4-4-2): Rochet; Caceres, Godin, Gimenez, Olivera (80’ Vina); Valverde, Bentancur, Vecino (80’ de la Cruz), Pellistri (88’ Varela); Suarez (64’ Cavani), Nunez. All. Alonso

COREA DEL SUD (4-2-3-1): Kim Seung-gyu; Kim Moon-hwan, Kim Min-jae, Kim Young-Gwon, Kim Jin-su; Hwang In-beom, Jeong Woo-yeong; Lee Jae-sung (74’ Son Jun ho), Kwon Chang-Hoon (74’ Lee Kang-in), Son Heung-min; Hwang Ui-jo (74’ Cho Gue-sung). All. Bento

Arbitro: Turpin (FRA)

Ammoniti: Caceres (U), Cho Gue-sung (C)

Espulsi: –

The post Uruguay-Corea del Sud 0-0, tante occasioni ma nessuna rete appeared first on Tifosinrete.

Rimani sempre aggiornato sui Mondiali Qatar 2022

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Qatar 2022