Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Non solo Frattesi: Mou punta pure Kamada

Cercasi centrocampista a Trigoria: il nome nuovo è Daichi Kamada

Qualche giorno fa, rispondendo sulla possibilità che in giallorosso arrivi un giocatore del Giappone, José Mourinho ha fatto un nome, quello del centrale di centrocampo, trequartista e pure seconda punta, Daichi Kamada.

Si tratta di un’ulteriore opzione per il centrocampo giallorosso tra gennaio e giugno. Il ventiseienne giapponese con l’Eintracht Francoforte ha un contratto in scadenza il prossimo trenta giugno e al momento dalla Germania non arrivano notizie di un possibile prolungamento. Il fattore chiave puòè il suo ingaggio, poiché a Francoforte guadagna meno di mezzo milione di euro netto a stagione, una cifra che può consentire a Pinto un rilancio importante.

Per capire perché Kamada è un obiettivo della Roma per il futuro, bisogna fare il nome di Mkhitaryan. L’armeno, soprattutto dopo l’infortunio di Wijnaldum, non è stato sostituito nella rosa giallorossa e il giapponese ha le caratteristiche per poterlo rimpiazzare.
Il suo eventuale arrivo (più a giugno che a gennaio) tutto fa meno che azzerare le possibilità di un ritorno a casa di Frattesi che rimane il primo obiettivo di Pinto. Il problema è quello di trovare il cash necessario per riportarlo a casa. Per questa ragione nel prossimo mercato di gennaio potrebbero partire Bove e Shomurodov, con il primo richiesto da Lecce e Sassuolo (valutazione 7-8 milioni) e il secondo da Torino, Cremonese e Bologna(valutazione 10). Lo scrive Il Romanista.

83 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

83 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa