Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Qatar 2022

Ecuador-Senegal 1-2, il primo ruggito in Nazionale di Koulibaly qualifica agli Ottavi i “Leoni della Teranga”

Primo tempo dominato dal Senegal, dopo i cambi l’Ecuador rientra più vivo e trova il pari, ma l’ex difensore del Napoli riporta subito avanti gli africani

Sfida che vale l’accesso agli Ottavi di Finale quella dello Stadio Internazionale Khalifa e valida per la terza giornata del Girone A della Coppa del Mondo in Qatar. Ecuador al momento dell’inizio della gara primo con l’Olanda a 4 punti, Senegal terzo a quota 3, Qatar a 0 e già eliminato.

Le formazioni

Alfaro recupera il proprio bomber Enner Valencia, tutti suoi gli ultimi sei gol ai Mondiali per l’Ecuador, che si posiziona nel tridente con Estrada e Plata. In difesa brillano Hincapié del Bayern Leverkusen ed Estupinan del Brighton di De Zerbi così come Caicedo a centrocampo. Il Senegal si schiera con un 4-2-3-1 con Dia, attaccante della Salernitana, riferimento offensivo. A guidare la retroguardia Koulibaly, capitano ed ex Napoli. In porta Edouard Mendy del Chelsea

Primo tempo

Parte forte il Senegal che al 3° si costruisce la prima azione da rete quando un cross di Sarr dalla destra sfila pericolosamente in area trovando l’inserimento di Idrissa Gueye: controllo e destro fuori da ottima posizione! Passano cinque miuti ed è Dia ad avere una grossa occasione con l’imbucata di Sabaly per l’attaccante della Salernitana che incrocia il destro in diagonale mandando a lato di poco. La risposta dell’Ecuador in un piazzato sulla barriera di Valencia. Primo quarto d’ora di chiara marca africana. Al 24° si rivede il Senegal con Sarr che si accentra da sinistra, rientra sul destro e calcia a giro: palla di poco sopra l’incrocio dei pali con deviazione in angolo. Il Senegal continua ad attaccare perché deve vincere per qualificarsi, Ecuador che prova ad abbassare i ritmi per poi colpire in ripartenza, ma nelle poche accelerazioni Koulibaly è molto attento nelle chiusure. Galindez esce male su Dià, ma poi trova il pallone, segue un’ottima chiusura di Torres sull’inserimento in area di rigore di Sabaly, ma alla fine la pressione del Senegal sfocia nell’incursione di Sarr dalla sinistra che entra in area e viene steso da Hincapie: calcio di rigore netto! Sul dischetto va lo stesso Sarr, giocatore del Watford, che trasforma freddamente con Galidenz pietrificato. Vantaggio meritatissimo per i “Leoni della Teranga” al termine della prima frazione.

Secondo tempo

All’intervallo Alfaro manda in campo Sarmiento e Cifuentes al posto di Franco per Gruezo cambiando modulo e passando al 4-4-2 così da avvicinare maggiormente alla porta il proprio bomber Valencia. Al 48° il primo tiro in porta dell’Ecuador con il neo entrato Cifuentes parato da Mendy. Ecuador che si mostra molto più reattivo dopo il cambio di modulo provando a trovare quel gol che lo qualificherebbe agli Ottavi di Finale. Al 64° cambia il partner offensivo di Valencia con Estrada che lascia il campo per Reasco, ma i “giri” della partita sono decisamente più bassi rispetto alla prima frazione. Ammonizione pesante per Gana Gueye che in caso di passaggio del turno salterà la gara degli Ottavi. Non c’è tempo di pensarci perché sugli sviluppi di un calcio d’angolo Caicedo, appostato sul secondo palo, insacca il pareggio dopo la spizzata di un compagno. Neanche il tempo di esultare per la “Tricolor” che il Senegal torna avanti con Kalidou Koulibaly sugli sviluppi di un piazzato di Gana Gueye dalla destra: pallone messo in mezzo, Valencia spazza male e l’ex Napoli calcia al volo di destro e la insacca in bello stile! Primo gol per il capitano con la maglia del Senegal. La risposta dell’Ecuador con Plata che controlla a centro area e conclude troppo centrale per fare male a Mendy. Ora i ritmi sono tornati elevatissimi. All’82° Dia salta con un gioco di prestigio Estupinan e calcia di potenza con un pallone che esce di pochissimo a lato della porta di Galindez. Nel finale difesa a tre per l’Ecuador che manda un attaccante in più in avanti alla ricerca del pareggio. E’ però il Senegal a farsi pericoloso all’88° con Gueye trovando Galidenz pronto a disinnescare in due tempi. Nel finale tanti palloni calciati a centro area dalla “Tricolor“, ma la fisicità del Senegal “rimbalza” ogni tentativo ecuadoregno e al triplice fischio può scatenarsi la gioia dei “Leoni della Teranga” per la qualificazione agli Ottavi di Finale appena centrata.

TABELLINO

ECUADOR-SENEGAL 1-2

Marcatori: 44° [Rig.] I. Sarr (S), 67° Caicedo (E), 70° Koulibaly (S)

Note: angoli 5-6, ammonito Gana Gueye (S) per gioco scorretto, recuperi 6′ e 7′.

ECUADOR (4-3-3): Galindez; Preciado (85° Porozo), Torres, Hincapie, Estupinan; Franco (46° Sarmiento), Gruezo (46° Cifuentes), Caicedo; Plata, Estrada (64° Reasco), Valencia.. Ct: Alfaro. 

A disp.: Ramirez, Dominguez, Arboleda, Pacho, Arreaga, Palacios, Preciado, Ibarra, Mena, Rodriguez.

SENEGAL (4-2-3-1): E. Mendy; Sabaly, Koulibaly, A. Diallo, Jakobs,; P. Gueye, Ciss (75° N. Mendy); I. Sarr, Gana Gueye, I. Ndiaye (75° B. Dieng); Dia (95° P. Cissé). Ct: A. Cissé.

A disp.: S. Dieng, Gomis, Kouyate, Mo. N’Diaye, Toure, Name, Diatta, P. Sarr, Ma. N’Diaye, Jackson.

Arbitro: Turpin (FRA)

Assistenti: Danos-Gringore (Francia)

IV Uomo: Kovacs (Romania)

VAR e AVAR: Brisard-Millot (Francia)

Rimani sempre aggiornato sul sito Tifosi in Rete

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Qatar 2022