Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Mourinho: “Ciò che amo del Giappone è il suo popolo. Mangerei Wagyu a colazione, pranzo e cena” (VIDEO)

Le parole dello Special-One durante l’ultima conferenza stampa rilasciate ad un tifoso giapponese

Durante la conferenza stampa tenutasi alla vigilia del match contro il Nagoya Grampus, José Mourinho ha risposto ad una domanda di Takeshi, giovane tifoso giapponese nonchè As Roma Fan Token Holder su Socios. Di seguito le parole dello Special-One.

Qual è il suo cibo giapponese preferito? Quale luogo le piace di più del Giappone?

“È solo la terza volta che visito il Giappone. La prima volta con il Porto affrontammo il Kashima Antlers, penso fosse il 1994 più o meno. La seconda volta sono stato qui per il Nakata Testimonial, quella volta ho visitato Tokyo. Questa è la mia terza volta qui e onestamente non ho mai avuto tempo di visitare questo meraviglioso paese. Non saprei scegliere un luogo, posso scegliere l’educazione del popolo giapponese. Qui si ha la percezione che tutto sia pulito e in ordine. Le persone hanno una sensibilità incredibile nei rapporti umani. Il popolo giapponese è la cosa che preferisco. Per quanto riguarda il cibo potrei mangiare Wagyu a colazione, pranzo e cena. Non mi piace il pesce nonostante io sia nato in una città di mare, ma preferisco la carne. Il Wagyu è fantastico, lo mangerei sempre. Apprezzo anche il modo in sono servite le pietanze al tavolo. Tutto è bellissimo, è organizzato in un modo che ti fa innamorare del piatto a prima vista”

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra