Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pellegrini lavora per un 2023 in grande

Serve un Pellegrini diverso per la seconda parte della stagione

Lorenzo Pellegrini lavora per preparare un grande 2023. Il capitano ha recuperato dalla lesione ai flessori della coscia destra, in Giappone si è allenato con il gruppo, ma Mourinho ha preferito non rischiare. Lorenzo sta ritrovando la condizione, lavorerà anche durante le vacanze, con la preparazione che riprenderà il 9 a Trigoria, prima della partenza per il Portogallo. Il suo obiettivo è tornare al cento per cento nel nuovo anno, dopo aver giocato a ritmo ridotto negli ultimi tre mesi, a causa di un fastidio muscolare che trascinandolo è diventato lesione.

Pellegrini potrà tornare a giocare senza problemi fisici. Un recupero importante per Mourinho, che nelle ultime due partite del 2022 aveva dovuto rinunciare sia a lui che a Dybala, perdendo tanta qualità. Mourinho può programmare il rientro di Pellegrini già dalla prima partita del 2023, il 4 gennaio contro il Bologna. Finora il capitan non è riuscito a esprimersi ai livelli della passata stagione, a causa dei problemi fisici che lo hanno tormentato sin dall’estate. Nei prossimi mesi Pellegrini farà anche un lavoro di prevenzione, per ridurre il rischio di altri infortuni muscolari, ma ormai la lesione ai flessori è alle spalle. Con la sosta Lorenzo ha il tempo necessario per lavorare a Trigoria e risolvere definitivamente il problema. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa