Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fiducia Abraham: la Roma ci conta, ma è nel mirino della Premier

Il centravanti inglese pronto ad una seconda parte di stagione da protagonista

I sogni di Tammy Abraham, nonostante l’involuzione di cui è stato malinconico protagonista da inizio stagione, restano sempre ambizioso. In vacanza alle Maldive con la fidanzata, ha già archiviato la non esaltante parentesi giapponese, in cui ha dimostrato gli stessi difetti visti negli ultimi mesi e che gli sono costati il Mondiale. L’obiettivo del centravanti è far cominciare il futuro da gennaio. Il discorso di Tammy, d’altronde, è stato chiaro. “Mi godo il Mondiale e mi alleno per il prossimo anno – ha detto –. Mi sarebbe piaciuto essere in Qatar, ma è qualcosa che mi ha fatto crescere come calciatore e persona. Sono ancora giovane. L’esclusione mi ha fatto tornare con i piedi per terra e mi sono detto ‘Ho ancora tanto da fare’. Spero di andare al prossimo. Per il momento, non sono stato mai così tanto arrabbiato e focalizzato sul ritorno in campo“.

La Roma, farà di tutto per tutelare il capitale di gol e di denaro rappresentato dall’inglese. Non è un caso che il general manager giallorosso, Tiago Pinto, abbia difeso il proprio centravanti dalle critiche del c.t. Southgate “non posso accettare che si motivi una decisione con quanto ha fatto nel club, altrimenti Smalling dovrebbe essere il titolare dell’Inghilterra“) e abbia pronosticato ad Abraham un futuro come uno dei giocatori più forti in circolazione. La fortuna di Tammy e della stessa Roma, in fondo, è che a pensarla così non sono solo a Trigoria, ma anche diversi club della Premier League, non spaventatisi per la flessione di rendimento in questo inizio stagione. Osservatori d’Oltremanica, infatti, sono sempre al lavoro per monitorare Abraham e i sussurri di mercato in questo senso stanno lievitando in fretta. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa