Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Spugna: “Era importante dare un grande segnale al campionato”

Le parole dell’allenatore giallorosso dopo la vittoria per 2-0 contro il Milan

Le giallorosse si tolgono un’altra grande soddisfazione in campionato, vincendo sul campo del Milan. Alla sua cinquantesima panchina con la Roma, Alessandro Spugna è stato intervistato a fine partita dai media del club.

La Roma espugna finalmente il “Vismara” con una prestazione di alto livello.
“Assolutamente sì. Era un tabù. Non avevamo mai vinto e ci siamo riuscite in un momento importante del campionato. Questa è una cosa molto bella. La prestazione è stata davvero di alto livello.
Sono molto contento, perché le ragazze sono state veramente molto brave fin dall’inizio a cercare di dominare la partita, provando a fare nei momenti giusti. E anche dopo, conducendola con grande personalità.

Primo tempo un po’ più tattico, poi nella ripresa la Roma è salita in cattedra.
“Sapevamo che qualche difficoltà avremmo potuto averla, perché loro nelle ripartenze possono fare male. Abbiamo cercato di prestare molta attenzione, tentando di controllare la gara, ma stando in partita, perché il fatto di passare in vantaggio ci avrebbe potuto creare dei problemi.
Invece siamo state brave, abbiamo provato a fare gol anche se non ci siamo riuscite. Dopo, nel secondo tempo, avremmo potuto anche fare il terzo. Ma va bene così, l’importante è stata la prestazione di grande personalità della squadra”.

Festeggia con i 3 punti le 50 panchine in giallorosso.
“Meno male. Al di là delle mie 50 partite, i 3 punti erano importanti per la continuità e per il segnale che mandiamo al campionato. Questo non era un campo facile – lo sapevamo – ed essere venute qui a giocare con questa padronanza è sintomo del fatto che stiamo facendo molto bene”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile