Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Le pagelle di Siamo la Roma

Il pagellone giallorosso 2022: il centrocampo

Pellegrini e Mkhitaryan le star, Cristante sempre presente

Si chiude il 2022 della Roma. Un anno che verrà ricordato per la vittoria della Conference League, che ha segnato il ritorno al successo dopo 14 anni di digiuno. Ma è stato anche l’anno dell’arrivo di Dybala e Wijnaldum e di una prima parte di stagione con alcune difficoltà. Ecco il pagellone del 2022 giallorosso:

PELLEGRINI 7,5

Colpi di classe, giocate e gol. Capitano ed anima della Roma. Ha terminato la scorsa stagione in crescendo e ha dato tutto quello che aveva all’inizio di questa in corso, a volte anche da infortunato.

CRISTANTE 7

Sicuramente uno dei migliori giallorossi, anche per Mourinho, che lo schiera sempre. Si è guadagnato con le sue prestazioni anche un elevato minutaggio in Nazionale.

MATIC  6,5

Scelto dallo Special One per potare esperienza nella sua rosa e nel reparto mediano. Alterna prestazioni positive ad altre un po’ meno.

MKHITARYAN  7

Uno dei migliori giallorossi nella prima parte del 2022, poi ha scelto di andare all’Inter. Diverse volte Mourinho a sottolineato quanto mancasse nella sua rosa.

VERETOUT 5,5

Ultimi mesi deludenti per il francese, che sotto la guida di Fonseca era stato uno dei migliori. In estate la cessione al Marsiglia.

SERGIO OLIVEIRA 6

Arrivato a gennaio per rinforzare il centrocampo. Un inizio sprint in giallorosso, condito da gol all’esordio. Poi prestazioni al limite dell’orribile, fino a riprendersi alla fine della scorsa stagione. Non dà certezze e la Roma non lo riscatta.

CAMARA  6

Arrivato alla fine del mercato estivo per sostituire Wijnaldum, ci mette un po’ per entrare nelle dinamiche della squadre. Qualche difficoltà quando Mourinho lo manda in campo le prime volte, poi si merita anche diverse gare da titolare grazie a prestazioni sempre in crescendo.

BOVE 6

Utilizzato pochissimo da Mourinho, quando è sceso in campo non ha mai peccato. Utilizzato maggiormente durante le amichevoli nella pausa Mondiale.

WIJNALDUM sv

Gioca solo 11 minuti contro la Salernitana alla prima di campionato. Poi l’infortunio alla tibia. Il più atteso del 2023.

DIAWARA sv

Il posto fisso in panchina non glielo ha mai tolto nessuno. A volte Mourinho gli ha concesso anche la tribuna. Nemmeno un minuto in campo nel 2022. In estate la cessione.

DARBOE sv

Si potrebbe dire che sia una pedina non rientrante nella scacchiera dello Special One. Non gioca praticamente mai, poi l’infortunio al crociato in estate.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamo la Roma