Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Le pagelle di Siamo la Roma

PAGELLE – Roma-Genoa 1-0: una Joya per i quarti

La Roma

RUI PATRICIO 6

Praticamente mai impegnato. Blocca un paio di conclusioni dalla distanza.

 

Trigoria

MANCINI 6,5 

Attento e preciso, vince tutti i duelli e aggredisce alto gli attaccanti avversari.

 

KUMBULLA 6

Non gioca da tanto, e si vede. Sembra in affanno ma riesce a sventare le minacce rossoblù.

 

IBANEZ 6,5

Ottimo primo tempo: esce palla al piede e spesso riesce nell’anticipo. Sul pezzo.

 

ZALEWSKI 6,5

Non è la sua fascia ma non si nota. Con il destro può crossare di più e riesce a mettere in difficoltà la retroguardia genoana.

 

MATIC 6,5

Con lui cambia la musica in mezzo al campo. La palla gira più veloce e aumenta la verticalità. Qualità ed esperienza.

 

BOVE 6

Prima da titolare in stagione, ma la timidezza resta negli spogliatoi. Talvolta troppo energico nei contrasti, riesce a dare vitalità alla mediana.

 

EL SHAARAWY 6

Si vede poco, ma non esce mai dalla partita. Dalla sua parte arrivano poche insidie.

 

 

Zaniolo

ZANIOLO 5,5

Nervoso, stizzito e ammonito, La sua è una gara contro sé stesso. Gli fischiano pochi falli, ma non fa nulla per incidere nel match.

 

 

PELLEGRINI 6,5

Un incrocio dei pali che grida vendetta, poi il fastidio al flessore. Quarantacinque minuti con la qualità di sempre.

 

ABRAHAM 6,5

Va vicino al vantaggio nel primo tempo e gioca per la squadra. Un Tammy diverso nel 2023.

DYBALA 7,5

Una Joya per gli occhi. Sempre Paulo, solo Paulo. Entra, incanta e decide. Una perla che vale i quarti.

 

 

CRISTANTE 6

Entra per la gestione del finale di partita.

 

 

SPINAZZOLA 6,5

Sprazzi dello Spina pre infortunio. Un paio di discese vecchia maniera che fanno ben sperare.

 

 

CELIK SV

Al posto di Zalewski per il quarto d’ora finale.

 

TAHIROVIC SV

Nel finale rileva Zaniolo.

 

MOURINHO  6

Una buona Roma conduce la partita fino al gol del vantaggio, poi gestisce la qualificazione.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamo la Roma