Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pellegrini c’è. La Roma non pensa al pericolo giallo

Sono in quattro a rischio squalifica

Senza Zaniolo, rimasto a Roma dopo aver svolto l’allenamento di rifinitura con la squadra, ma con Lorenzo Pellegrini, partito con i compagni nonostante non sia al meglio della condizione e negli ultimi giorni abbia svolto spesso lavoro individuale. I capitano però stringerà i denti, come ha fatto spesso fino ad oggi, e non dovrebbero esserci quindi troppi dubbi nella formazione che Mourinho, rimasto in silenzio anche ieri, manderà in campo oggi pomeriggio (ore 18, tv su Dazn) contro lo Spezia. Una gara che, dopo la penalizzazione della Juventus e in virtù degli scontri diretti che coinvolgono l’Atalanta contro i bianconeri e la Lazio che ospiterà il Milan, assume un significato ancora più importante per la corsa alla Champions League dei giallorossi.

Senza Zaniolo, rimasto a Roma dopo aver svolto l’allenamento di rifinitura con la squadra, ma con Lorenzo Pellegrini, partito con i compagni nonostante non sia al meglio della condizione e negli ultimi giorni abbia svolto spesso lavoro individuale. I capitano però stringerà i denti, come ha fatto spesso fino ad oggi, e non dovrebbero esserci quindi troppi dubbi nella formazione che Mourinho, rimasto in silenzio anche ieri, manderà in campo oggi pomeriggio (ore 18, tv su Dazn) contro lo Spezia. Una gara che, dopo la penalizzazione della Juventus e in virtù degli scontri diretti che coinvolgono l’Atalanta contro i bianconeri e la Lazio che ospiterà il Milan, assume un significato ancora più importante per la corsa alla Champions League dei giallorossi. Lo scrive Il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa