Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Vietato fermarsi ora

L’occasione per l’Europa che conta

Questa sera la Roma ha l’obbligo di dare seguito ai buoni risultati di inizio 2023 per restare incollata alla zona Champions League, soprattutto dopo le sanzioni che hanno riguardato la Juventus. Di fronte ci sarà uno Spezia con assenze importanti, ma che naviga in zone abbastanza tranquille della classifica. Gotti, oltre alla cessione di Kiwior, dovrà rinunciare a Zoet, Bastoni e forfait dell’ultim’ora, a M’Bala Nzola l’attaccante angolano (9 gol in campionato) si è fermato ieri a causa di una lesione di primo grado al soleo della gamba destra. Con Gyasi in attacco ci sarà il ritrovato Verde, che solitamente contro i giallorossi riesce a dare il meglio di sé. «Lo Spezia scenderà in campo per fare punti e non si accontenterà di una sconfitta onorevole», così il tecnico degli spezzini alla vigilia del match, a dimostrazione di come la sua squadra si approcci alla sfida con la serenità di poter giocare senza troppe pressioni di classifica, nonostante la vittoria del Verona.

L’assenza che fa più rumore a livello mediatico, sponda giallorossa, è quella di Zaniolo. Ma quella più pesante è senza dubbio quella di chi non potrà fare rumore al Picco: quella di stasera, infatti, sarà la prima delle quattro trasferte vietate ai sostenitori giallorossi dopo i fatti dell’A1. Chi invece e partito con la squadra è capitan Pellegrini, che stringe i denti e non delude Mou. Smalling, Mancini, Celik e Cristante sono a rischio squalifica per Napoli, ma la gara che conta si gioca al Picco, e il tecnico portoghese non farà troppi calcoli. L’undici che affronterà la squadra di Gotti sarà praticamente lo stesso visto all’Olimpico contro la Fiorentina, con Ibanez che riprenderà il suo posto in difesa per Kumbulla. Se non dovesse farcela Pellegrini, si aprono diverse possibilità nello scacchiere tattico giallorosso, con Tahirovic e Matic pronti a contendersi un posto in mediana vicino a Bove e Cristante, Sugli esterni fiducia a Celik e Zalewski, che ha recuperato dal lieve problema fisico accusato dopo la gara contro i Viola. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa