Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho a carte scoperte: “Zaniolo resta a Roma”

Le parole di Josè Mourinho nel post gara non lasciano nulla al caso. La presa di posizione del tecnico giallorosso

José Mourinho racconta tutta la verità su Nicolò Zaniolo. Presente, passato e futuro. Partendo da una convinzione: “Il mercato è aperto, però per me è chiuso. A parte Solbakken che ha bisogno di tempo per ambientarsi non succederà niente. Magari sbaglio ma sono convinto che Zaniolo il primo febbraio sarà ancora alla Roma“.

È una presa di posizione coerente con quanto ha sempre affermato: “L’ho difeso e continuerò a sostenerlo, perché è un ragazzo che dà sempre tutto. Sappiamo che vuole andare via, questo è un elemento oggettivo, ma non credo che andrà via. Anche io vorrei essere a cena a Londra con la mia famiglia ma invece sono qua con voi…”. E ride.

È rilassato come poche volte l’abbiamo visto, dopo la vittoria di La Spezia. La città di Zaniolo: “Non abbiamo litigato, Nicolò e io. Ci siamo confrontati. Per me non c’è niente di definitivo. Non l’ho convocato stavolta perché, davanti a una mia precisa domanda, mi ha comunicato di non sentirsi pronto ad aiutare la squadra. Non avevo scelta“.

Interrompe ogni domanda sui possibili sostituti: “Posso assicurarvi che non ho nemmeno pensato a cercare un altro giocatore, perché penso che Zaniolo resterà. Nicolò è un calciatore importante con un valore importante. E non ci sono offerte che possano convincere la Roma a lasciarlo andare. Le offerte ricevute sono inaccettabili. E Tiago Pinto passa per cattivo ma cattivo in questa storia non è. La cosa strana è che di solito quando si chiede di partire una proposta concreta dietro l’angolo c’è. Invece sul tavolo qui non c’è niente o comunque poco. Se poi ci sarà una sorpresa finale, faremo una riunione di emergenza e cercheremo un sostituto“. Se Zaniolo resta, magari già a Napoli può tornare in gruppo: “Se merita di giocare giocherà, come tutti gli altri“. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa