Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

La Roma batte lo Spezia. E Mourinho ricorda a Zaniolo le regole sue e del club

La Roma in Liguria vince anche senza Zaniolo. E Mourinho punge l’attaccante

Dal vangelo secondo Mourinho: “Contro lo Spezia abbiamo vinto con il gioco di squadra, mettendo in campo quello che avevamo preparato in settimana. Zaniolo? La mia sensazione è che il primo febbraio sarà ancora qui. Ha detto di voler andare via, ma anche piacerebbe essere a Londra a cena con la mia famiglia. Devo credere a quello che mi dice Tiago: non c’è nessuna proposta che sia minimamente accettabile dalla Roma. Quando un calciatore ha grande voglia di andare via, di solito il suo desiderio è accompagnato da un’offerta importante e difficile da rifiutare. Invece adesso non c’è niente”.

Certo, Mou ha anche detto che il suo rapporto con Zaniolo è “sempre stato buono, perché si è impegnato sia nelle partite buone che in quelle cattive, e quel che penso non è cambiato“. E se il trasferimento al Tottenham o in Premier non andrà in porto, Mou cercherà di recuperare Zaniolo, ma solo se tornerà ad avere comportamenti giusti.

Oltre allo Spezia ieri ha perso anche Zaniolo. Perché la Roma ha giocato molto bene senza di lui e aveva già vinto contro la Fiorentina. Perché El Shaarawy, che ha giocato al suo posto visto che Pellegrini era malconcio in panchina, ha segnato l’1-0. Perché Dybala ha fatto magie e assist. Perché Abraham è entrato nel primo gol e ha segnato il secondo una progressione da Re Leone. Lo scrive il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News