Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Abraham: “Qui i tifosi sono speciali. Sarebbe bellissimo alzare un trofeo anche quest’anno”

L’intervista del centravanti inglese sulla sua esperienza in giallorosso

Tammy Abraham ha rilasciato un’intervista al portale inglese SWM EXCLUSIVE  ed è stato scelto come modello della linea di gioielli Mj Jones. Il centravanti ha raccontato il suo trasferimento alla Roma e come sta vivendo l’esperienza i giallorosso:

All’inizio ero un po’ nervoso perché uscire a Roma non è mai facile, ma si è rivelato fantastico. I fan sono ovunque e una cosa che ho dovuto imparare in fretta è che sono appassionati. Qui ci sono solo due squadre: Roma o Lazio. Fortunatamente, la maggior parte delle persone che incontro sono tifosi della Roma, ed è sempre bello incontrare i tifosi e fare foto con loro. Tutti in città sono stati così accoglienti ed educati. È stata un’esperienza interessante e certamente diversa dalla vita in Inghilterra. Certo, ho dovuto adattarmi rapidamente e a volte mi manca sentire la lingua inglese. È bello abbracciare una cultura diversa, godersi un nuovo modo di vivere e imparare la lingua, il che è stato fantastico. Probabilmente dovrei saperne più di me, ma sta andando bene”.

Sul trasferimento alla Roma.
“Non sono qui da molto, ma penso che trasferirmi alla Roma sia qualcosa a cui ripenserò e dirò a me stesso: ‘Ho passato del vivendo in un’altra parte del mondo’. Sperimentare cose nuove è incredibile, a volte stimolante, ma finora divertente”.

Sui tifosi.
“I tifosi e le persone del club mi hanno fatto sentire a casa fin dal primo giorno. Sarei dovuto atterrare in un aeroporto privato, ma c’erano così tanti fan lì… cantavano il mio nome ed erano così felici di vedermi. Da quel momento ho capito che quello era il posto giusto per me. Sono così appassionati e vogliono che la loro squadra faccia bene, quindi ti sostengono anche se a volte non fai bene. Ma penso che possano vedere quanto sia appassionato in campo: penso sia siano innamorati della mia fame e voglia di vincere”.

Sul trasferimento alla Roma.
“Non sono qui da molto, ma penso che trasferirmi alla Roma sia qualcosa a cui ripenserò e dirò a me stesso: ‘Ho passato del tempo vivendo in un’altra parte del mondo. Sperimentare cose nuove è incredibile, a volte stimolante, ma finora divertente”.

Sulla storia della città di Roma.
“Ho sempre amato la storia, anche a scuola. Vedere il Colosseo di persona è stato fantastico, non riuscivo a smettere di sorridere. Adoro conoscere la storia della città e le diverse culture e Roma è uno dei posti migliori al mondo per questo”. […]

Sulla vittoria della Conference League.
“Vincere un trofeo europeo al primo anno con la Roma è stato incredibile. Ad essere onesti, non credo che qualcuno se lo aspettasse. Dal momento in cui sono arrivato, ho sempre detto che avrei voluto vincere un trofeo con la Roma. Non vincevano un trofeo da molti anni e, a quel punto, molte persone non credevano che fosse possibile. Ma penso che venire qui abbia dato fiducia ai ragazzi e hanno visto che ero affamato e appassionato. Anche in allenamento voglio sempre vincere. Quando perdo in allenamento, i ragazzi vorrebbero parlarmi, ma vedranno che stavo sempre spingendo al massimo. Voglio il meglio per la mia squadra e per me stesso”.

Sull’addio al Chelsea.
“Poco prima che lasciassi il Chelsea, Tomori si era trasferito al Milan, quindi ne avevamo parlato molto. Entrambi non riuscivamo a credere che stesse accadendo. Siamo stati al Chelsea per tutta la vita e, proprio così, ce ne stavamo andando. Penso che fosse il momento giusto di andare via, ero pronto per fare il passo successivo nella mia carriera. Non volevo essere classificato come un giovane della Primavera, quindi era giunto il momento per me di spiegare le mie ali”. […]

Sul 2023.
“Questo potrebbe essere l’anno migliore della mia vita finora, quindi voglio che diventi realtà. Sarebbe bellissimo vincere qualcosa anche quest’anno con la Roma, e con la nascita di mio figlio, chissà cosa riserverà il futuro”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra