Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Spugna: “Complimenti al Milan, ce la giocheremo al ritorno”

Le dichiarazioni del tecnico giallorosso dopo la sconfitta nella gara d’andata

La Roma Femminile ha perso 1-0 nella gara d’andata delle semifinali di Coppa Italia sul campo del Milan. Dopo la gara l’allenatore giallorosso Alessandro Spugna ha commentato la sconfitta ai canali ufficiali del club:

Una gara sfortunata, sembrava che la palla non volesse entrare.
“Sicuramente non la miglior partita, ma complimenti al Milan che l’ha interpretata meglio di noi. La cosa che mi fa ben sperare sono le occasioni create. Oggi siamo state un po’ lente, un po’ macchinose, nel primo tempo abbiamo fatto tante corse a vuoto, nel secondo abbiamo pagato un po’ di scadenza, pur avendo avuto delle occasioni”.

Rifarebbe le stesse scelte?
“Col senno di poi è sempre più facile. Uno prima della partita crede sempre di mettere in campo la squadra migliore. Ma ci sono anche gli avversari, loro l’hanno interpretata bene secondo quello che avevamo in mente noi, alcune difficoltà ce l’hanno create soprattutto nel primo tempo”.

Il risultato è aperto in vista del ritorno.
“Sì, assolutamente. Non dobbiamo metterci paura del risultato, ma solo affrontare una settimana tranquilla, cercando di recuperare le forze, sabato dobbiamo fare una grande partita, cercando di fare risultato. È assolutamente possibile, ce la giocheremo alla grande, in altre occasioni abbiamo segnato tanto, al ritorno dovremo fare almeno due gol, cercheremo di farlo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile