Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Dionisi: “Ambiente caldo e campo difficile. Siamo stati efficaci”

Le parole del tecnico dei neroverdi

Il Sassuolo sbanca all’Olimpico. Vittoria importantissima per i ragazzi di Dionisi che a fine partita ha rilasciato delle dichiarazioni a DAZN. Di seguito le sue parole.

Prima di oggi la Roma all’Olimpico aveva subito solamente 5 gol.
“Sono stati bravi ed efficaci i ragazzi. Non era semplice rimanere in partita, l’ambiente era caldo, lo stadio trainava la squadra. La Roma ha giocatori forti. In 10 anni il Sassuolo non aveva mai vinto a Roma contro la Roma. I ragazzi stanno facendo qualcosa di straordinario. La partita poteva finire tranquillamente 2-4, ma va bene comunque”.

Il Sassuolo non ha avuto Berardi, Pinamonti e Laurienté al top per quasi tutta la stagione.
“Oggi siamo questi ed è merito e demerito di ciò che abbiamo fatto. Siamo cresciuti, oggi abbiamo fatto cose positive ed errori, nel secondo tempo avremmo potuto fare gol e non prenderlo. Il campo è pesante, il pubblico spinge, ogni palla inattiva la Roma è pericolosissima. Il campo non ci ha aiutato, noi siamo più tecnici”.

State diventando molto efficaci quando rubate la palla. 
“Sono d’accordo, ci lavoriamo. Se avessimo giocato più avanti avremmo fatto ancora più male alla Roma nel primo tempo. Quando hai i giocatori bravi li devi sfruttare, se le squadre ci affrontano tre contro tre dobbiamo andare in avanti e sfruttare le qualità degli attaccanti. La squadra non ha smesso di lavorare, si è compattata nei momenti difficili e ci sentiamo più forti e consapevoli. Potevamo gestire meglio alcuni momenti, ma questa cosa va accettata. Il gol di Dybala viene dalla qualità del singolo, non dalla squadra. Contro lo Spezia dobbiamo continuare così, sarebbe un peccato non farlo”.

Cosa è cambiato dopo il Milan?
“Prima la squadra era altalenante. Abbiamo tanti ragazzi giovani e alle prime esperienze, non è semplice. Ora inoltre ho la possibilità di scegliere, prima no. All’andata contro la Roma ho dovuto mettere D’Andrea, ora Berardi. Se siamo tutti diventa anche più semplice per i ragazzi. Si diventa più sicuri, questo è il segreto”.

Laurienté è consapevole di quanto sia forte?
“Sta migliorando, sta imparando a conoscere la lingua e si sta applicando tatticamente. Se lui trova più continuità diventa ancora più forte, a volte si prende delle pause. Nell’uno contro uno è molto forte. Ricorda un po’ Boga, ma ha una conclusione più efficace, può lavorare e diventare ancora più forte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Lukaku e Dybala pronti a trascinare i giallorossi in trasferta. E' la quarta volta che...

Le parole del tecnico neroverde A margine del Trofeo Maestrelli ha rilasciato un’intervista ai cronisti...

Le parole dell’allenatore del Sassuolo in merito ai possibili calciatori che potrebbero lasciare la squadra...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica...
Si affrontano due nazioni di grande tradizione, anche se negli ultimi anni il parco giocatori...
E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri, 1...