Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Gerini: “De Rossi mi sembra molto preparato, si è messo al servizio della sua Roma”

L'attrice racconta il cambio allenatore dal suo punto di vista: non nasconde l'emozione di vedere una bandiera alla guida della Roma

Claudia Gerini , attrice italiana nota per la sua passione giallorossa, ha rilasciato alcune dichiarazioni durante la trasmissione radiofonica TeleRadioStereo, dove ha analizzato la scelta di De Rossi come successore di José Mourinho. Ecco le sue parole:

Come ha vissuto il passaggio da José Mourinho a Daniele De Rossi? “Si sapeva che Mourinho sarebbe dovuto andare via, ma è stata una cosa abbastanza improvvisa. L’arrivo di De Rossi l’abbiamo abbracciato un po’ tutti con speranza. Tutti gli allenatori mettono a servizio della squadra la propria competenza, De Rossi ha sudato per la Roma da giocatore e ho amato la sua scelta. Immagino sia stata una scelta ragionata, mi sembra molto preparato e sicuramente ci mette quell’amore che magari un allenatore qualunque non ci metterebbe”.

Da regista, che ruolo darebbe a Mourinho e De Rossi? “De Rossi ha la bella faccia del profeta, con la sua barba lo vedrei bene come condottiero romano. Un novello Giulio Cesare, per farla in modo romantico: l’occhio azzurro e il portamento fiero lo caratterizzano. Mourinho non lo so, forse l’informatore in Suburra: è misterioso, vuole essere a capo di vari tipi di affari. Tutto ciò usando la fantasia, ovviamente. Pensando a Suburra, però, non posso non associare De Rossi a Borghi…”.

Come riesce a conciliare la passione per la Roma con i vari impegni di cinema e teatro? “Ho fatto un film a Palmi con i Fratelli Manetti, che dovrebbe uscire tra poco: anche loro sono romanisti sfegatati. A Palmi, in Calabria, c’era un Roma Club e ovviamente quando c’era la partita fermavamo il set e guardavamo la partita. Ho seguito la Roma anche dal Nepal. Concilio la passione, come tutti, con il lavoro, visto che a volte mi capita di avere impegni anche in notturna. Ultimamente, purtroppo, sto andando meno allo stadio e questo mi dispiace: giovedì non ci sarò, ma al derby sicuramente sì. Quando posso però, dove vado vado, seguo sempre la Roma e tengo il mio cuore acceso”.

Da esperta comunicatrice, come vive questa non-comunicazione da parte della proprietà americana? “Non ci sono segnali di grandi strategie o altro, questo manca tantissimo. Non dico ricordare la famiglia Viola, ma neanche l’eclissarsi totale che viviamo attualmente. E’ necessario qualcuno che parli e unisca i tifosi, magari anche tramite qualcuno della dirigenza”

Come si spiega il fatto che Roma continui a sfornare attori e attrici di alto livello? “Roma ha sempre sfornato grandi talenti, allora e anche oggi. C’è una grande scuola che è una fucina di attori di alto livello. A Roma siamo tanti, sicuramente il bacino d’utenza è più ampio. Roma e Napoli, tra le altre città, sfornano tanti attori. Qui, poi, c’è il cinema, Roma è un centro importante per il cinema sotto più punti di vista. Nel DNA del romano, poi, c’è questa parte attoriale”.

Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

L'attaccante uzbeko racconta le difficoltà avute con i giallorossi e della grande voglia di riscatto...
Lukaku - Roma
Il gol del vantaggio della Roma nasce da un sospetto fuorigioco di Lukaku...le immagini mostrano...
Tifosi Roma
I tifosi della Roma hanno cantato l'inno prima dell'inizio della sfida con il Milan oggi...

Dal Network

  Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio,...

Gli USA pronti a ospitare le 32 squadre da tutto il mondo Nell’estate del 2025,...
Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica...

Altre notizie