Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

De Zerbi: “De Rossi è nato per allenare. Joao Pedro non ci sarà”

Le parole del Brighton in conferenza stampa alla vigilia dell'andata degli ottavi di finale di Europa League

Roberto De Zerbi ha parlato in conferenza stampa dallo stadio Olimpico alla vigilia di Roma-Brighton. Di seguito le parole dell’allenatore degli inglesi.

“Io parlavo di tradizione. Se parliamo degli ultimi campionati la realtà è molto diversa rispetto a 10-15 anni fa. Gasperini è sempre uno avanti, poi c’è Italiano, Motta, Vivarini, hanno preso tante squadre dalla B, sono tanti allenatori che hanno preso una direzione diversa. De Rossi credo sia nato per fare l’allenatore. Io avevo indicato come uno dei possibili grandi allenatori, già prima che prendesse la Spal, ha tutte le componenti, dalla personalità, alla capacità di relazionarsi e di carisma con i calciatori. Lo conosco bene. Sono contento, sta cambiando una squadra che era forte. Ha dato un’impronta di gioco in poco tempo, sta facendo grandi risultati, non è tutto scontato, credo che sia sulla strada per diventare un grande allenatore e lo è già. Ma non saprei se gioca a tre o quattro. Non so come gioco io, non posso sapere come giocherà lui”

Si sente uno che precorre i tempi del gioco e lo capisce prima degli altri? 
“Non mi sento un genio, ma non mi manca il coraggio per fare cose che altri non farebbero. E poi vivo per il calcio, questa è la differenza che mi fa avere questa carriera. Non sono più intelligente degli altri, ma se devo fare qualcosa di diverso e se credo davvero qualcosa lo faccio senza pensare ai risvolti o agli effetti negativi che possano bloccare questa cosa nuova”.

De Rossi dice che rispetta il Brighton ma ha giocatori più forti
“De Rossi è un amico perché siamo simili come persone, tanto è vero che le nostre figlie sono diventate amiche e non è un caso, abbiamo gli stessi valori. La Roma era forte con Mourinho, è forte anche con De Rossi. Noi non abbiamo esperienza, siamo venuti a giocarcela con umiltà, ma sappiamo quello che valiamo e questo ci dà tanto orgoglio. Noi non giochiamo solo per i quarti, ma perché stiamo scrivendo la storia e stiamo facendo qualcosa di impensabile. E per il nostro club è qualcosa che noi sentiamo”.

All’Olimpico c’è una spinta davvero clamorosa, teme questa cosa? 
“Lo vedremo domani se lo stadio ci intimorirà. Abbiamo giocato e vinto a Old Trafford, abbiamo giocato ad Atene e Marsiglia. L’Olimpico lo conosco, so che spinta ha, vediamo domani, è sicuramente un esame per noi questo. Questo ci deve dare più forza. Io alleno da dieci anni, ho cambiato 5-6 squadre. Questi giocatori del Bighton caratterialmente li sento più vicini a me, per orgoglio, fame, motivazioni, valori, per come vivono il calcio. Sono fiducioso, c’è sempre il campo che giudica tutto”.

Quanto le dà fastidio arrivarci senza la migliore formazione? 
“L’argomento si può prendere in due modi. O ci mettiamo a piangere con l’elenco delle assenze, o si può prendere come opportunità perché puntiamo a competere anche con tutti questi infortunati. Nessuno ci dava la garanzia che con Milner, Mitoma e gli altri avremmo passato il turno, nessuno ci dice che non passeremo senza di loro. Non voglio sentire parlare di infortuni. Siamo abbastanza”.

L’emozione di portare questo club in Italia? Sua figlia per chi tiferà?
“Mia figlia non tifa Roma. È amica della figlia di De Rossi e va a vedere la Roma. Mia figlia tifa suo padre. Tifavo la Roma contro il Feyenoord per ritrovarmela. Un grande orgoglio tornare qui. Io mi innamoro di tutte le squadre e i giocatori, a Foggia, a Benevento, a Sassuolo, allo Shakhtar ero legatissimo. Ma questa squadra mi dà orgoglio quando usciamo in giro. Anche se prendiamo imbarcate. Poi dopo le sconfitte questa squadra è sempre risorta, uscita dalla sofferenza sgomitando, con gioco e fame. Tornare in Italia con questi giocatori è un grande orgoglio”.

Quella di domani è la serata giusta per ridare la scintilla?
“Noi abbiamo fatto la scelta di prendere tutte le competizioni al massimo. L’ottavo di Europa League non è più importante della partita col Nottingham di domenica. Non siamo abituati a giocare tre partite alla settimana per così tanto tempo e abbiamo raggiunto dieci infortunati. Non abbiamo una rosa numericamente così ampia. Se pensi al West Ham, al Siviglia, al Leicester, al Rennes, il Tolosa, Lens, Friburgo, l’Union hanno fatto bene in Europa ma male in campionato. Se abbiamo avuto problemi fa parte della normalità. Non sa cosa vuol dire competere per tante partite di fila. Qualcosa perde. Poi è diventato difficile competere”.

Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Lukaku / Milan-Roma
Le possibili scelte di De Rossi per la sfida di domenica, ore 18:00, contro i bianconeri...
Riccardo Orsolini
Dopo il pareggio a reti bianche nel derby della Mole, anche tra Bologna e Monza...
Bologna squadra
Il Bologna rischia di perdere una pedina fondamentale a una settimana dallo scontro Champions con...

Dal Network

  Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio,...

Gli USA pronti a ospitare le 32 squadre da tutto il mondo Nell’estate del 2025,...
Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica...

Altre notizie