Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Nainggolan: “Con Mourinho una volta mi sono addormentato allo stadio. Mi aspettavo il buon avvio di De Rossi”

Le parole forti di Radja Nainggolan sul passato recente della Roma e sul presente

Radja Nainggolan, ex centrocampista della Roma, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni della tramissione Twitch Controcalcio. Ecco le sue parole:

Sull’inizio dell’avventura De Rossi
“Sì, me lo aspettavo. Lui come visione di calcio ha quello di Spalletti a cui aggiunge le sue idee. Ora la Roma gioca un bel calcio, gioca molto meglio rispetto a quando c’era Mourinho. Mourinho è un grande allenatore perché ha vinto tanto in carriera, ma non era l’allenatore adatto per come giocava la Roma.

Sono andato a vedere Roma-Salernitana alla prima giornata di campionato, mi sono addormentato sul 2-2. Non faceva un tiro in porta, un’azione bella. Adesso Pellegrini è un altro giocatore.

Ci sarà un motivo se ora i giocatori sono più produttivi e vincono partite in maniera molto convincente. Questo è merito di De Rossi. Daniele, conoscendo anche molti i giocatori, li ha utilizzati per le loro qualità e funzionano molto meglio. Non solo Pellegrini, ma anche Paredes. Anche lui non si esprimeva al meglio delle sue qualità”.

Su Dybala?
“De Rossi quando è arrivato ha detto che è l’unico giocatore che può restare libero in campo perché fa la differenza. Certo che vorrei Dybala nella mia squadra ma per quante partite ce l’avrei a disposizione? È una domanda che ti faresti sempre. Adesso Dybala sta giocando tutte le partite e viene gestito in un altro modo. Sono cose importanti per un giocatore. Ora viene gestito alla perfezione. In una grande squadra bisogna avere 15-18 titolari. Adesso la Roma può permettersi di far giocare anche un altro giocatore al suo posto. C’è Azmoun ad esempio“.

Rimarresti alla Roma fossi in Lukaku?
“Per come sono fatto io, per l’opportunità che mi ha dato la Roma, rimarrei un altro anno. La Roma ha preso Lukaku l’ultimo giorno di mercato, con un contratto pesante, una squadra già fatta. Senza di lei sarebbe rimasto al Chelsea senza giocare. Io un riconoscimento verso la Roma lo farei. Lui è un personaggio diverso, dovrà ancora raccontare la sua storia dell’addio all’Inter. Lo sento spesso, ma non parliamo di calcio. Non so cosa farà, ma al posto suo un riconoscimento alla Roma lo darei”.

Su Lukaku.
“L’attaccante ideale con cui ho giocato è stato Dzeko. Fa giocare bene la squadra, sa fare assist, gioca di sponda e per un centrocampista è importante. Lukaku è migliorato tanto a livello tecnico, ma non è un giocatore pulitissimo. Lukaku, però, lo vedevo sempre dopo l’allenamento che calcolava ogni angolo dell’area di rigore e sa come deve calciare. Ha 49 di piede, ma la mette sempre dentro. Quando ha l’occasione fa gol. Dzeko ha bisogno di più occasioni, ma fa fare anche 15-20 gol ai suoi compagni”
.

Subscribe
Notificami
guest

77 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Thiago Motta
In vista del match tra Roma e Bologna, Thiago Motta ha preferito far partire dalla...
AS Roma
La Roma di De Rossi è arrivata a Trieste e fra poco si dirigerà verso...
Il Monza ha risposto via social a mister Daniele De Rossi, che ha ringraziato i...

Dal Network

  Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio,...

Gli USA pronti a ospitare le 32 squadre da tutto il mondo Nell’estate del 2025,...
Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica...

Altre notizie