Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

In campo una Roma (quasi) uguale a quella dell’andata: c’è Bove al posto di Cristante

Mister Daniele De Rossi conferma la formazione dell'andata e si affida a Bove per sostituire Bryan Cristante

Squadra che vince non si cambia, è vero. Ma se quella squadra vuole conservare l’effetto sorpresa che è stato alla base della vittoria, è obbligata sempre a cercare un’idea nuova. E’ su questi pensieri che De Rossi sta lavorando con lo staff. Si vuole imbrigliare un’altra volta il Milan e guadagnarsi la semifinale europea. L’ipotesi più logica conduce verso la conferma del 4-4-2 visto a San Siro, con El Shaarawy ancora a destra e Bove unica novità di formazione rispetto a Cristante. 

Un’altra opzione tattica che prevede Bove in campo

A Trigoria poi, è stato provato anche il 4-3-3 più classico, con Bove pronto ad allargarsi nella fase difensiva ed El Shaarawy pronto alla scalata dalla tradizionale posizione di ala sinistra: può essere una variazione per ovviare alle contromosse di Pioli, dall’inizio o a gara in corso. Troppo alto il rischio a voler scherzare con il cronometro. Vuole una squadra spigliata che sappia mettere in difficoltà l’avversario, per segnargli il gol che può frenarne i propositi di rimonta.

Ha chiesto ai giocatori di non perdere la propria identità, di non ragionare sulla vittoria dell’andata, di sfruttare l’onda d’entusiasmo che trasmetterà l’Olimpico. Leggerezza e giudizio. Serviranno. De Rossi si aspetta un Milan migliore rispetto alla versione di San Siro, sia nell’espressione collettiva che nel rendimento dei singoli. Ma non trascura le potenzialità della Roma, che per almeno un’ora una settimana fa è stata superiore in ogni specialità.

Servirà gestire le energie fisiche e le energie nervose

Se poi basterà il gol di Mancini, che ieri ha compiuto 28 anni, la festa sarà completa. Il rientro di sette giocatori dopo la tormentata trasferta di Udine è garanzia di freschezza atletica, tanto più che pure quelli più spremuti (ad esempio Lukaku, a -1 dai 300 gol nei club) hanno giocato 71 minuti e non 90. Ma la Roma deve essere brava soprattutto a gestire le energie nervose: in questo senso la terribile distrazione obbligata dal malore di N’Dicka è stata impegnativa. Ma il sollievo successivo ha rasserenato la squadra, che ritrova anche Azmoun dopo l’infortunio come possibile cambio offensivo. Con lui e Abraham, le opzioni per cambiare struttura in attacco non mancano. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Dybala / Roma-Juventus
Nell'ultima sfida all'Olimpico della stagione, Paulo Dybala dovrebbe esserci: superato il fastidio muscolare per l'argentino...
Florient Ghisolfi
Saranno tanti i giocatori a salutare la Roma a fine anno: tanto lavoro per il...
Dybala Roma-Bologna
Dybala dovrebbe tornare a disposizione per il match col Genoa, che potrebbe però clamorosamente essere...

Dal Network

  Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica...

Presidente FIFA-Infantino
Gli USA pronti a ospitare le 32 squadre da tutto il mondo Nell’estate del 2025,...
Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica...

Altre notizie