Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Roma, la sera dei miracoli

Può essere una serata magica per la Roma di De Rossi: i giallorossi ci credono e volano in Germania per ribaltare l'andata

De Rossi / Roma-Milan

Nel 1988, Daniele De Rossi aveva da poco compiuto 5 anni. Quell’anno, la Roma di Renato Portaluppi, dopo aver perso 2-1 all’Olimpico, riuscì a vincere 3-1 ai supplementari a Norimberga, qualificandosi così ai sedicesimi di finale.

L’impresa che attende stasera DDR, almeno dal punto di vista numerico, richiama quei ricordi. Tuttavia, l’avversario è di tutt’altro calibro. Il Leverkusen attuale è fresco vincitore della Bundesliga, a un passo dal record assoluto di imbattibilità e in lizza per il mini Triplete, essendo finalista in coppa di Germania oltre ad avere un piede e mezzo sulla scaletta dell’aereo che porta a Dublino. Ecco, è proprio a quel mezzo piede che si aggrappa Daniele. Perché nel calcio tutto può succedere.

Nella storia delle coppe europee, soltanto 12 volte la squadra che ha perso 2-0 all’andata è poi riuscita a qualificarsi per il turno successivo. Daniele, però, è abituato alle rimonte. Su tutte, quella con il Barcellona in Champions, preceduta da un discorso carico di emozioni dello stesso DDR alla squadra: “Non lo so, ogni tanto preparo qualcosa e altre volte no – sorride – A quella squadra dissi che mi fidavo in quanto compagno e capitano, a questa posso dire lo stesso”.

Anche il tweet del Bayer Leverkusen, che ieri ha iniziato a dare indicazioni ai propri tifosi per la finale di Dublino, come se fosse già acquisita (per poi fare retromarcia in serata), può essere una spinta in più a livello emotivo: “Ah sì, l’ho visto – ridacchia Daniele -. A volte sono errori che vengono fatti non dallo staff tecnico o dai giocatori, appartengono a chi gestisce i social. Penso che lo staff e la squadra non ci snobberanno. Comunque lo abbiamo visto e commentato. Non ci leva il sonno”.

L’impiego o meno di Dybala potrebbe essere un fattore determinante. L’argentino sembra destinato alla panchina, anche se De Rossi non offre certezze: “Nessuno verrà preservato in vista di Bergamo. Le valutazioni le farò con i giocatori e lo staff in base a come starà il giocatore. E poi qualcosa non voglio dirvela”. Gli occhi gli brillano come se stesse preparando una sorpresa. Lo riporta il Messaggero.

Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il progetto del nuovo stadio di Pietralata si è arenato. Tanti i dubbi da sciogliere,...
Lukaku / Roma
Contro il Genoa l'ultima gara davanti ai romanisti per l'attaccante belga, che a fine stagione...
Malagò CONI
Il Presidente del Coni ha parlato del lavoro di De Rossi e della sua passione...

Dal Network

  Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica...

Presidente FIFA-Infantino
Gli USA pronti a ospitare le 32 squadre da tutto il mondo Nell’estate del 2025,...
Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica...

Altre notizie