Resta in contatto

News

Pastore nel mirino de L’Equipe: “Un affare per il PSG”

“Né vitello, né Pastore”. Il video di DAZN ha scatenato l’ironia del quotidiano francese, che ha ricordato come la cessione dell’argentino sia stato un affare per il PSG.

Il video realizzato da DAZN per promuovere l’esclusiva di Juventus-Roma dello scorso 22 dicembre è senza dubbio stato divertente. Giorgio Chiellini e Javier Pastore che, sulle famose note della colonna sonora di Rocky, sollevano manubri e saltano la corda in preparazione del big match dello Stadium. Il tutto coronato dall’apparizione di un Adriano in versione Copacabana.

Senza dubbio la clip è stata realizzata mesi fa, infatti l’argentino non ha preso parte alla partita dell’Allianz Stadium. Ma la sua fragilità muscolare ha scatenato la reazione ironica del quotidiano d’Oltralpe che, con un titolo pungente (Né vitello, né Pastore), non ha perso occasione per sottolineare come la cessione messa a segno dal PSG in estate – ad oggi – sia stato un autentico affare per il club francese.

I fatti, purtroppo per la Roma, non possono dargli torto. El Flaco, per il momento, ha collezionato appena 459 minuti in stagione, meno di Lorenzo Pellegrini (ai box da oltre un mese) e dello stesso Nicolò Zaniolo. E la sensazione è che, infortunio a parte, i due offrano comunque più garanzie, fisiche e tattiche, dell’argentino.

Tuttavia la dirigenza della Roma sembra credere ancora nel riscatto dell’ex Palermo. L’augurio è che la sua storia in giallorosso non ripercorra quella del suo compagno di set brasiliano.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News