Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Gazzetta dello Sport, Cervone: “Olsen numero 1. Basta mettere in discussione Di Francesco”

L’ex portiere giallorosso: “Sono contento per Schick, speriamo continui così. Zaniolo? E’ veramente forte, ci sta stupendo di settimana in settimana”

Giovanni Cervone, ex portiere della Roma, intervistato dalla Gazzetta dello Sport, non ha nascosto la sua fiducia per Eusebio Di Francesco: “Deve essere chiara una cosa: la Roma ha battuto il Sassuolo, il Genoa e perso dignitosamente a Torino, e Di Francesco merita di restare. Ma solo se i dirigenti e il presidente sono veramente convinti di lui: basta metterlo in discussione ogni settimana, bisogna aiutarlo”.

Su Schick e Zaniolo, entrambi protagonisti nella partita contro il Sassuolo: “Sono davvero felice per Schick, aveva bisogno di un’iniezione di fiducia, adesso mi auguro che possa continuare nella Roma su questa strada. Zaniolo migliora sempre di più, è un ragazzo su cui bisogna continuare a puntare e già dalla prima partita si capiva che aveva numeri importanti. Ci sta stupendo di settimana in settimana.

Infine non poteva mancare da parte dell’ex numero uno, un commento sull’attuale portiere della Roma, Robin Olsen: “Da inizio campionato non ha fatto bene, ma benissimo. E i tifosi lo vedono, infatti nessuno gli ha fatto pesare gli errori con il Genoa. Lui poi si è riscattato a Torino con una partita da 10 in pagella. Deve solo essere un po’ più coraggioso, ma tra i pali è bravissimo e sta diventando un vero numero uno”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa