Resta in contatto

Esclusive

ESCLUSIVA SLR, Simplicio: “La Roma potrà iniziare il nuovo anno al meglio. Ricordo più bello? Il pallonetto al Novara”

71 presenze con il Parma, 43 con la Roma condite da impegno, duttilità tattica e giocate da sudamericano. Stiamo parlando di Fabio Simplicio, il doppio ex di questo Parma-Roma.

Contattato dalla Redazione di “Siamolaroma.it“,  il brasiliano ci ha dato un parere sul momento che stanno vivendo le sue ex squadre e il ricordo più bello che lo lega a queste due maglie.

In Italia hai vestito sia la maglia del Parma che della Roma, quali sono i ricordi più belli che ti porti dentro anche a distanza di anni? 
“Con la maglia del Parma, il ricordo più bello è il gol segnato contro il Cagliari nella stagione 2004/2005, al 92′. Mentre con la maglia della Roma il pallonetto contro il Novara nella gara che terminò 5-2 nell’Aprile del 2012”.

Che pensiero ti sei fatto di Parma e Roma in questa stagione? Dove arriveranno alla fine del campionato?
“La Roma non sta vivendo un bel momento, però cominciando a vincere e ottenere qualche vittoria consecutiva potrà iniziare il nuovo anno al meglio. In campionato può fare ancora molto e c’è anche la Champions League.
Il Parma sta facendo davvero un bel campionato, sta ottenendo ottimi risultati e spero continui così”.

Hai lasciato di te un bel ricordo sia alla Roma che al Parma…
“Di questo sono molto contento, continuo a fare il tifo per entrambe affinché ottengano la qualificazione in Europa”

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Tanti Auguri capitano!!! Feliz aniversário capitão !!!

Un post condiviso da fabio Simplicio (@negosimpla) in data:

 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Esclusive