Sito appartenente al Network

Florenzi: “Mi piacerebbe essere un capitano che si avvicini a De Rossi”

“L’amore per la Roma mi ha fatto fare cose che non avrei dovuto fare”.

Alessandro Florenzi torna a parlare ai microfoni dopo le vacanze di Natale e il ritorno a Trigoria. Il vice capitano della Roma ha rilasciato un intervista su Italia Uno. Ecco una parte delle sue dichiarazioni:

(IL VIDEO DELL’INTERVISTA)

La Roma è guarita?
La Roma ha finito il 2018 con il piglio giusto. Sappiamo che possiamo e dobbiamo fare meglio. Nel 2019 serve più continuità e più risultati positivi.

Come è possibile ritrovare la continuità?
Dobbiamo ritrovarci noi come gruppo. Anche se il gruppo è sempre stata la nostra base da dove siamo ripartiti, il gruppo ti può salvare in qualsiasi circostanza. Fare vittorie tutti insieme deve essere il nostro obiettivo. Da soli le partite non si vincono.

La Coppa Italia?
Potrebbe essere un obiettivo importante per la Roma, ma non dobbiamo levare i sogni dalla nostra testa. Anche se sappiamo che è una cosa impossibile abbiamo anche un altro obiettivo, che è quello della Champions. Ripercorrere quanto fatto l’anno scorso non dico che è un’utopia ma sarebbe un sogno, ovviamente non sarà facile migliorarsi.

C’è poca cattiveria nella squadra?
Non penso, basti vedere alcuni allenamenti nostri. Alle volte siamo mancati sotto alcuni profili, non siamo stati magari concreti tirando tante volte in porta. Parlo di tutta la squadra, me incluso. Non parlo solo degli attaccanti. In questo siamo un po’ mancati, come siamo mancati nella voglia di non prendere gol, e qui non parlo solo dei quattro difensori, ma di tutta la squadra. Cosa che l’anno scorso c’era un pochino di più e dobbiamo sicuramente ritrovarla.

Chi è che ti ha stupito di più dei tuoi compagni?
Sicuramente Zaniolo sta facendo molto bene, è entrato molto bene nella nostra filosofia. Adesso è sulle ali dell’entusiasmo, ma deve restare molto tranquillo, già gliel’ho detto. Deve restare con i piedi per terra. Anche se credo che abbia una famiglia alle spalle con i piedi per terra, che possa sicuramente aiutarlo. Non scordiamoci che Pellegrini è un ’96, anche se io lo conoscevo, sta facendo grandi cose. Saranno due pilastri della Roma.

De Rossi manca da molto tempo, quanto pesa la sua assenza? Che capitano sei e vorresti essere?
Mi piacerebbe essere un capitano che si avvicini a Daniele. So che non è una cosa facile, so che davanti a me ho una strada difficile per arrivare a quello che è Daniele e a quello che è stato Francesco (Totti, ndr) per 20 anni. Quello in cui penso posso reincarnarmi di più è sicuramente Daniele, ma per essere persone come lui e Francesco ci vogliono anni e anni. Ancora devo sicuramente migliorare per arrivare a quello fatto da loro.

Ti sei legato alla Roma a vita, ma sei stato anche contestato. Come vivi il rapporto col gradimento dei tifosi? Ti stimola? Ti disturba? Ti ferisce?
Lo sento… Lo sento… Lo faccio ovviamente passare perché so che posso fare un qualcosa di più in campo, finché quello rimanga in campo ed è giusto che i tifosi facciano la loro parte. La cosa che posso sicuramente affermare, ed è una cosa che ci accomuna, è la maglia della Roma, il bene della Roma. Non lo dico perché voglio far arrivare qualcosa di diverso da quello che non sono. Sono rientrato dopo undici mesi di assenza e dico la verità, alcune volte dovevo non giocare. Dico la sincera verità. L’amore per questa maglia mi ha fatto fare cose che non dovevo fare, mi ha fatto prendere antinfiammatori che era meglio non prendere per giocare una determinata partita, che poteva non essere Roma-Juventus o Roma-Real Madrid. In quel momento arriva un’altra cosa dentro di me, che è quello che accomuna me e i tifosi della Roma, è questa maglietta, per cui ho firmato un contratto veramente importante, spero che con le mie prestazioni future possa ritornare, ma non è mai finito l’amore per la Roma e i suoi tifosi.

Insulti, buu razzisti: è emergenza sociale?
È un’emergenza sì. Nel senso, la mia famiglia viene allo stadio, non vorrei mai che mia figlia sentisse degli ululati, non sono cose che insegno. Detto questo, dei tifosi, non facciamo di tutta un’erba un fascio, non facciamone un macro-problema del calcio. Quello che posso volere io è portare più famiglie allo stadio e rendere lo sport quello che è, una delle cose più belle della vita.

Pensi sarebbe giusto interrompere come chiede Ancelotti?
Non lo so, ci sono posizioni discordanti, chi si vuole fermare diventa il salvatore e chi pensa che sia sbagliato magari diventa un bersaglio, questo non so se può aiutare o no.

Cosa devi a Di Francesco?
Al mister devo sicuramente la fiducia. Sono rientrato l’anno scorso dopo 11 mesi e ho fatto più di 40 partite. Sinceramente non me l’aspettavo, mi ha dato fiducia e ho cercato di ripagarlo col massimo.

Vi sentite tutti più al sicuro adesso, mister compreso?
Siamo noi che dobbiamo finire di scacciare queste nubi rimaste, la prossima partita sarà importante. Già la Coppa Italia ci ha dato un dispiacere contro una squadra di minore categoria qualche anno fa. Non sottovalutare per noi la Coppa Italia è un obiettivo.

Per il quarto posto sarà derby con Lazio e lotta col Milan?
Non dobbiamo precluderci quello che la matematica non ci può dare. Noi dobbiamo iniziare a vincere, cercare di riprendere l’obiettivo di quest’anno, entrare in Champions. Il nostro obiettivo è quello da quarta o da terza.

L’alchimia della scorsa Champions pensi si possa ricreare?
Penso sia rimasta in noi giocatori, in tanti tifosi, nella città e anche nella storia, perché nella sua storia la Roma è andata solo due volte in semifinale, resta una pagina importante. Non dico che ci cambiamo quando sentiamo la musichetta, ma hai uno stimolo in più che ti fa dare quell’uno o due per cento in più.

Che Nazionale vedi?
Siamo partiti col piede giusto, siamo un buon gruppo, tanti giovani, alcuni molto esperti, alcuni una via di mezzo e io mi ritengo tale. Abbiamo riportato entusiasmo che mancava e a marzo ci sono subito due partite in cui vogliamo fare sei punti.

Pensi che Kolarov abbia ragione sui tifosi che non capiscono di calcio?
Non lo so, ci sono tante variabili, tante persone. C’è un mio amico che è un tifoso e penso sia un intenditore di calcio, c’è il mio miglior amico che è uno dei più passionali ma di calcio capisce poco. C’è spazio per tutti.

Ti aspetti che il mercato rafforzi questa Roma?
Stiamo riprendendo pedine importanti che ci sono mancate in questo autunno, siamo rimasti un po’ corti, poi c’è la società e fa il suo lavoro.

Ieri sarebbe stato il compleanno di Astori…
Ci ho pensato… Penso che questa domanda possa finire qui, veramente, grazie.

Subscribe
Notificami
guest

7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il tecnico giallorosso ha ritrovato anche l'ivoriano che si è allenato con i compagni. All'appello...
I giallorossi sono tornati ad allenarsi dopo la vittoria contro il Frosinone. Al via la...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica...
Si affrontano due nazioni di grande tradizione, anche se negli ultimi anni il parco giocatori...
E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri, 1...