Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il Messaggero, “L’ultima tentazione di Monchi: Barrios, il colombiano del Boca”

Il colombiano puntato dal ds giallorosso

Monchi si è mosso concretamente per Wilmar Barrios, mediano classe ’93 del Boca Juniors. Un’indiscrezione che circolava dall’inizio del mercato di gennaio e che ieri ha trovato conferma dalla testata argentina Tyc Sports. L’offerta giallorossa è un prestito di sei mesi con obbligo di riscatto in estate pagando la clausola di 24 milioni di dollari, l’equivalente al cambio attuale di 21 milioni di euro. Il club argentino ha preso tempo, ma è costretto a cedere uno straniero, avendo superato il limite consentito. Per una volta, anche a Trigoria non possono smentire l’interessamento per il colombiano, utilizzando tutte le cautele del caso. Barrios ha una storia molto particolare da raccontare. Abbandonato dal padre alla nascita, la madre emigra in Venezuela per cercare lavoro. Il ragazzo è quindi cresciuto con la nonna, Dona Celia, che lo ha avvicinato al calcio. Quando tredicenne, Wilmar ha capito che la nonna non poteva più permettersi di pagare l’autobus per andare agli allenamenti, si è inventato un mestiere, trasformandosi in venditore di cubetti di ghiaccio per strada. Scoperto da Humberto El Tucho Ortiz, talent scout famoso in Colombia, a 16 anni si trasferisce al Deportivo Tolima che diventa il trampolino di lancio per il Boca, avvenuto nel 2016 (per 2,5 milioni). Ora, dopo aver vinto due campionati in Argentina e sfiorato la coppa Libertadores (ko in finale con il River Plate), è forse arrivato il momento di trasferirsi in Europa

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa