Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Atalanta, De Roon: “Vogliamo lottare con le grandi. Vedremo alla fine, intanto pensiamo a giocare”

Il centrocampista olandese: “Questa Roma è più forte di quella dell’andata, anche nei singoli. Mancini? Non mi sorprende, basta conoscerlo”

Marten De Roon, centrocampista olandese dell’Atalanta, è stato intervistato oggi da La Gazzetta dello Sport, in vista della partita di domani contro la Roma:

Roma quinta, a +2 sull’Atalanta: saranno 90’ pesanti.
«Sono d’accordo, perché con altri 3 punti ci ritroveremmo in una posizione bellissima».

Rispetto all’andata, che Roma si aspetta?
«Più forte, anche nei singoli. Complimenti a Cristante, una piacevole conferma: a Bergamo tutti lo ricordano, è un calciatore moderno. Poi occhio a Zaniolo, El Shaarawy e Dzeko, i più pericolosi».

Anche voi davanti non siete male…
«Ilicic è un fenomeno, Gomez è incredibile nel nuovo ruolo: difende e attacca, difende e attacca… È decisivo, come Zapata. All’inizio ha faticato, ma ora chi lo ferma? È un mostro!».

Sorpreso da Mancini?
«No, basta conoscerlo. Ha una tranquillità unica e poi segna… Per un difensore così, giovane e italiano, è normale avere tutto questo mercato».

Lo step per accorciare sulle big
«Roma e Lazio, per esempio, hanno rose superiori. Merito dell’Europa, giocata con regolarità. Noi dovremo fare lo stesso. Certe serate sono magiche, come a Dortmund…».

Dove arriverà questa squadra?
«Vorremmo lottare con Milan, Roma e Lazio, altrimenti andrebbe bene l’Europa League. Vedremo alla fine, intanto pensiamo a giocare. Senza pressione».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News