Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Edicola

L’Edicola, è il giorno di Chievo-Roma: Di Francesco insegue il quarto posto senza Manolas e Olsen

Il tecnico giallorosso apporta le ultime modifiche in vista della gara di stasera. Bloccati gli inizi dei lavori per lo Stadio della Roma

Questa sera, allo stadio Bentegodi di Verona, andrà in scena il secondo anticipo della ventitreesima giornata di Serie A tra Chievo Verona e Roma. Il tecnico giallorosso, Di Francesco, nella conferenza stampa di ieri ha detto di non voler più perdere punti con le piccole di questo campionato, cosa che è successa nel girone di andata, e di voler conquistare il quarto posto vincendo proprio con i gialloblù, ultimi in classifica.
Causa ennesimi infortuni, dovrà a fare meno di Olsen e Manolas, colpiti da problemi muscolari. Al loro posto partiranno da titolari Mirante e Marcano.
A centrocampo, invece, non ci saranno lo squalificato Pellegrini e De Rossi, che ancora non regge nelle gambe due partite di fila dal primo minuto. Il reparto sarà quindi composto da Nzonzi sulla mediana accompagnato da Cristante e Zaniolo. Su quest’ultimo, sta affondando il colpo la Juventus che a giugno lo vorrebbe portare a Torino con un contratto da 2,5 milioni a stagione.
Saranno infine confermati in attacco Dzeko, Schick e El Shaarawy, come contro il Milan. Da sottolineare come il Chievo sia la vittima preferita del Faraone.

Sul fronte Stadio, arrivano complicazioni: Lavori (e stadio) bloccati dal concordato Atac. “Rinviata data da destinarsi” l’apertura dei cantieri per il restauro della Roma-Lido, ovvero la chiave del progetto Stadio della Roma.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Edicola