Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Gazzetta dello Sport, “Perrotta: Zaniolo? Merito di Di Francesco e Monchi che lo ha voluto a tutti i costi”

“La maglia 10? Prima o poi qualcuno prenderà quella maglia e si assumerà la responsabilità di portarla”

Simone Perrotta, ex giocatore della Roma, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport, nella quale ha parlato di Nicolò Zaniolo. Queste le sue parole.

Zaniolo, quindi, sta illuminando una strada da seguire?
Sì, con i giovani che valgono serve coraggio, proprio come ha fatto la Roma. Con il Porto Zaniolo mi è piaciuto non tanto per la doppietta, ma per come è stato dentro la partita, perché sembra già un calciatore con grande esperienza: aiuta, protegge la palla, crea gioco. I gol sono solo la classica ciliegina su una torta di per sé già buona.

Con il Porto ha giocato esterno alto nel 4-3-3. Qual è il ruolo dove può rendere meglio?
Forse dove può correre e lottare e quindi da mezzala. Ha fisico, sa inserirsi e selezionare le scelte giuste. Deciderà Di Francesco, uno che non ha mai paura a scommettere sui giovani. Oggi è evidente che quando Eusebio lo scelse a Madrid, in Champions, non fu una decisione così scellerata come si disse allora. Merito a lui e a Monchi, che l’ha voluto a tutti i costi.

A Roma in tanti paragonano questo Zaniolo al primo Totti.
In Italia si va sempre alla ricerca di paragoni, così gli facciamo del male. Nicolò ha dimostrato qualità importanti, io lo farei crescere senza confronti. Anche perché, pure cercando, francamente non li trovo. Per caratteristiche forse ci rivedo un po’ Bernardeschi, ma non Totti. Sono così diversi…

Qualcuno ha pensato anche di dargli la maglia numero dieci.
Prima o poi qualcuno prenderà quella maglia e si assumerà la responsabilità di portarla, con tutto il peso che ne potrà conseguire, visto quello che ha rappresentato Francesco Totti. Ma ci andrei piano. Zaniolo ha giocato diverse partite buone. Ma sono ancora poche.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa