Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Social Network, Manolas risponde ai tifosi: “Sfortunati a subire il gol con il Porto. Dopo Roma-Barcellona ero l’uomo più felice del mondo”

Il difensore greco risponde alle domande dei tifosi su Twitter

Al termine della seduta d’allenamento, Kostas Manolas ha risposto in diretta alle domande dei tifosi su Twitter. Queste le parole del difensore greco:

Ti senti un leader della squadra?
“Siamo tutti leader, chi gioca e chi non gioca, dobbiamo tutti aiutare il club”.

La partita col Porto…
“Abbiamo fatto una gran partita, peccato per il gol in cui siamo stati molto sfortunati. Abbiamo il ritorno col Porto e dobbiamo cercare di passare”.

Nello spogliatoio si sentono i tifosi durante la lettura delle formazioni e l’inno?
“No, nello spogliatoio non si sente. Magari quando siamo nel tunnel…”.

Il giocatore ancora in attività che stimi di più nel tuo ruolo?
“Sergio Ramos”.

Preferisci a 3 o a 4?
“A 4, sono abituato a giocare così”.

Le sensazioni contro il Barcellona?
“Ero l’uomo più felice del mondo”

Quante volte l’hai guardato? 10, 20?
“Di più…non vado a cercarlo ma su Instagram me lo mandano spesso”

Il giocatore più forte contro cui hai giocato? Totti a parte…
“Ibrahimovic e Messi. E direi anche Benzema”

Il giocatore più forte con cui hai giocato? Tolto Totti…
“Direi Maicon”

Quando riprendi uno in velocità…
“Cerco di fare il mio lavoro, quando faccio qualche buon recupero penso dentro qualcosa dentro me stesso. Quando cascano li guardo…”

Il più grande rimpianto e la più grande soddisfazione alla Roma, Barcellona a parte?
“Il più grande rimpianto è non essere andati in finale di Champions perché abbiamo sbagliato la partita d’andata lì. La più grande soddisfazione tolto il Barcellona…la vittoria nel derby per 4-1”

La tua vittima preferita negli scherzi?
“Mi piace tenere sempre vivo lo spogliatoio e tenere sempre tutti sul pezzo”

Il tuo idolo calcistico?
“Da piccolo era mio zio, che giocava nell’AEK Atene”

Quanto casino avete fatto negli spogliatoi dopo Barcellona?
“Abbiamo festeggiato ma cose normali”

In Grecia si festeggia San Valentino?
“Sì”

Ti chiamavano Kostaki da bambino? Lo fanno ancora?
“Sì”

Piatto greco e romano preferito?
“Greco la mussaka. Romano…non lo so, mangio quello che fanno qui a Trigoria. La pasta col tonno, in bianco però”

Dove bisogna andare per mangiare la miglior feta della Grecia?
“Ovunque”

A quale fumetto potresti paragonarti?
“A nessuno…”

C’è una playlist che sentite prima della partita?
“Io sento la mia, greca…”

Dov’eri quando la Grecia vinse l’Europeo del 2004?
“A Naxos, vedevo le partite mentre pescavo. Facevamo gol ed esultavamo tutti”

Il nome di un artista greco che ascolti
“Sono miei amici”

Serie tv preferita?
“No, le serie di calcio. Serie A…”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra