Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Derby, Lorieri: “Di Francesco da 10, la Roma se lo tenga stretto”

 

L’ex portiere: “Ha il merito di aver lanciato Zaniolo”

Ha parlato a TuttoMercatoWeb Fabrizio Lorieri, ex portiere, tra le altre, di Roma e Torino e fino alla stagione scorsa preparatore dei portieri del Sassuolo: “Come si dice sempre, il derby è imprevedibile, non si può fare un pronostico è una gara sentitissima e aperta a tutti i risultati“.

Capitolo Di Francesco: che voto dà al tecnico giallorosso per il lavoro svolto finora?
Dieci. Al di là dell’amicizia che mi lega ad Eusebio e al rapporto di lavoro che abbiamo avuto, ciò che sta facendo è sotto gli occhi di tutti. E’ in lotta per il quarto posto ed in Champions è agli ottavi. Credo che di più non si potesse chiedere vista anche la partenza di vari calciatori. Tra i giovani ha il merito di aver lanciato Zaniolo ed ha saputo gestire bene la squadra nei momenti di difficoltà che possono sempre arrivare. il voto è un dieci pieno.

Per la prossima stagione c’è ancora un punto interrogativo su Di Francesco. Il suo futuro potrebbe essere legato anche alla figura del ds
Non so se sia così. Credo che comunque uno come Di Francesco la Roma se lo debba tenere stretto.

Passando invece ai portieri qual è quello che lei ha allenato che le sta dando più soddisfazioni?
Consigli è il portiere che conosco meglio avendo lavorato con lui per quattro anni. Sta confermando quel che ha sempre fatto, è affidabile. In generale è stato un campionato in cui si sono messi in mostra i portieri giovani di qualità, da Audero a Radu, da Cragno a Lafont a Meret. Tutto questo grazie a società che hanno avuto il coraggio di lanciarli.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News