Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Gazzetta dello Sport, De Sisti: “De Rossi è l’uomo in più”

“La Roma è più forte della Lazio”

Giancarlo De Sisti, ha affrontato la Lazio 27 volte in carriera di cui 15 da romanista e quindi nei derby. Due volte ha segnato nelle stracittadine di cui una, indimenticabile, il primo dicembre 1974. Questo un estratto dell’intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport.

Che ricordo ha di quella partita?

«Ci campi a vita, entri nella storia, non lo dimentichi mai. Ho ricevuto un elmo da soldato romano dai ragazzi della Curva, presto lo donerò al museo del club perché è giusto così. Ma quando parlo di quel derby lì, vinto grazie a me e al mio tiro, ho ancora i brividi».

Un pronostico per questo derby?

«Credo e spero vinca la Roma. E’ più forte della Lazio, anche se in questa stagione le squadre sono mancate come continuità. Negli ultimi tempi, mentre la Lazio ha dovuto fare i conti con parecchi infortuni, la Roma è riuscita a ritrovarsi un po’ e questo conta. Se dovesse essere un derby tirato si potrà decidere sulle palle inattive e anche in questo senso vedo la Roma favorita. Soprattutto se come penso giocherà De Rossi: giocatore importante, ma ancora più fondamentale come allenatore in campo per i compagni».

Se fosse un d.s. e avesse 70 milioni chi comprerebbe: Zaniolo o Milinkovic?

«Zaniolo, ha 19 anni ed è talmente bravo. Milinkovic ha fisico e classe, è un giocatore importante, ma il ragazzino ha tutto per diventare un campioncino vero. Ha talento e personalità, basta non metterlo troppo sul piedistallo. Deve seguire i consigli di De Rossi, restare a lungo, molto a lungo nella Roma, e può diventare il futuro del nostro calcio».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa