Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Lega Serie A, Miccichè: “Nessuna partita di campionato in Cina. Si può ragionare sulla Supercoppa e su alcune partite di Coppa Italia”

Il presidente della Lega di A, a margine del vertice tra la Federcalcio e il ministro cinese Shen Haixiong: “Non è una strada percorribile nei prossimi anni”

Il presidente della Lega di A, Gaetano Miccichè, prima di immergersi nel vertice che sta per iniziare alla sede della Figc a Roma tra il ministro cinese Shen Haixiong e la Federcalcio su possibili sinergie tra il calcio italiano e la Cina, ha rilasciato alcune dichiarazioni: “La Serie A in Cina? Credo che non sia una strada percorribile per i prossimi anni, si può ragionare sulla Supercoppa, su alcune partite di Coppa Italia. Per il campionato obiettivamente siamo ancora lontani dal fare ragionamenti seri. Ci sono tante aree che si possono sviluppare – specifica Miccichè – dalla collaborazione nostra per quanto riguarda per esempio il Var, le sponsorizzazioni, agli incontri che si possono organizzare anche in Cina o cinesi in Italia. Si è parlato di tante cose in questi giorni di incontri e certamente lo sport e il calcio al suo interno è un mondo importante. Oggi spero si possa sottoscrivere un memorandum dove ci siano dei punti fermi sulla futura collaborazione tra il nostro mondo e il mondo cinese”.

“Il calcio italiano in Cina è molto seguito per gli allenatori, i giocatori e le squadre, quasi tutti sono conosciuti in Cina”. Con queste parole il viceministro della Comunicazione della Cina, Shen Haixiong, ha salutato la delegazione della Federcalcio prima di immergersi nell’incontro in Figc per un memorandum di collaborazione tra il calcio italiano e Pechino. “Dopo che il primo ministro Xi Jinping ha concluso una visita di successo in Italia, speriamo di realizzare ancora un progetto con voi sulla base di questo risultato”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News