Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il Messaggero, non è solo un problema di testa. La Roma cammina

Ranieri asfaltato da Ancelotti

L’aggiustatore non aggiusta più. Sono bastati 270 minuti per fiaccare anche l’entusiasmo di Ranieri. Arrivato con mille propositi, Sir Claudio ieri è apparso in grande difficoltà sia a livello tecnico-tattico che mediatico. In campo è stato surclassato da Ancelotti. Fuori ha virato sull’evidente disparità di condizione atletica tra le due squadre: «C’è poco da fare se gli altri corrono di più e ti mettono in mezzo…». Ha ragione da vendere: la Roma non corre poco, cammina. Il problema però è che lo faceva anche prima del suo arrivo. La precarietà atletica esisteva anche prima, nonostante in molti alludessero ad «un mero problema di testa». Ma insieme a questa si vedeva anche un minimo di organizzazione e un’idea di gioco.

La Roma durava un’ora ma almeno in quei 60 minuti pressava, provava a verticalizzare, non sempre riuscendoci, creava occasioni da rete e tirava in porta. Nelle ultime 2 gare, invece, non s’è visto nulla. Solo lanci lunghi a superare la mediana avversaria, sperando di sfruttare le seconde palle. Ma se la condizione atletica non ti assiste, sul pallone arrivi sempre secondo. L’alternativa è pallone a Perotti e vediamo cosa accade. Se salta l’uomo, bene. Altrimenti non c’è un’altra opzione: notte fonda. Lo riporta Il Messaggero. 

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa