Resta in contatto

Rassegna Stampa

GaSport, “Florenzi ci prova, altrimenti è pronta la difesa con tutti centrali”

La rincorsa di Alessandro Florenzi alla partita di sabato contro l’Udinese procede, ma sembra difficile che il vice capitano della Roma sia tra gli undici titolari. Ieri il terzino romano ha lavorato in campo fuori dal gruppo, con il solo Pastore, e tra oggi e domani proverà a fare almeno una parte con il gruppo per poi essere convocato venerdì. Fondamentali saranno le risposte del polpaccio lesionato durante un allenamento in Nazionale, che si potranno avere, però, soltanto quando Florenzi riuscirà a forzare con continuità.

Lui vorrebbe esserci, vista la totale emergenza sulle fasce, con Kolarov squalificato e Santon e Karsdorp infortunati, ma Ranieri lo metterà in campo solo se non ci saranno rischi. Perché poi la settimana prossima la Roma dovrà andare a Milano contro l’Inter di Spalletti e il tecnico vorrebbe averlo in condizioni quantomeno accettabili. Ecco perché, salvo novità, se non ce la dovesse fare, da stamattina Ranieri proverà la difesa con i 4 centrali, con Juan Jesus a destra e Marcano a sinistra. In porta ci sarà Mirante e il fatto di avere una comunicazione migliore, in italiano, rispetto a quella che ci sarebbe stata con Olsen, magari potrà aiutare un reparto inedito.

Ranieri farà anche qualche esperimento di difesa a tre, ma per l’idea di squadra sicura e compatta che il tecnico vuole sembra difficile che si vada verso questa soluzione. In panchina dovrebbe trovare spazio Semeraro, terzino della Primavera di Alberto De Rossi.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa