Resta in contatto

Giallo&Rosso

Chi parte e chi resta: le due anime della Roma

C’è la Roma dei non romani, Baldini e Massara che volano a Boston da Pallotta per delineare il futuro della società, e c’è la Roma dei romani, di Totti, Ranieri, De Rossi, che guarda al presente, i risultati sportivi sul terreno di gioco, per garantirsi il futuro.
Strategia e tattica, pensiero e azione, bilanci e passione. Economie e plusvalenze da una parte, identità e passione dall’altra. In mezzo non c’è l’annosa questione dello stadio, ma i tifosi, l’unico vero collante di queste due dimensioni della Roma, entrambe necessarie in questo calcio del terzo millennio, ma probabilmente molto sbilanciate verso la prima.

Aspettando news da oltreoceano, c’è di mezzo il campo, la trasferta di Milano con l’Inter, tre punti fondamentali da andarsi a prendere. Con Totti punto di riferimento dello spogliatoio, Daniele a fare il tifo vista la sua indisponibilità, Pellegrini e Florenzi a metterci l’anima e la tecnica, Sir Claudio, il condottiero, a guidare i suoi all’impresa.
C’è piaciuto il mister sabato pomeriggio, imperterrito sotto il diluvio universale, presente, concentrato, sofferente come un tifoso ma lucido come un generale che sta lanciando l’assalto.  E con i tifosi, migliaia, che come sempre riempiranno uno spicchio del Meazza, per sostenere la Roma, quella di chi è andato e quella di chi è rimasto.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Giallo&Rosso