Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 1 maggio 1983: con la vittoria sull’Avellino lo scudetto si avvicina (VIDEO)

La più bella esultanza di un giocatore della Roma…quella dopo il gol di Agostino di Bartolomei

E’ 1 maggio 1983, allo Stadio Olimpico, per la terz’ultima giornata di campionato, si sfidano la Roma e l’Avellino. I giallorossi cercano i due punti che vorrebbero dire quasi sicuramente scudetto. L’Avellino invece è a caccia della salvezza. La Roma ha tre punti di vantaggio sulla Juventus, 38 contro 35. Mentre i bianconeri ricevono l’Inter, la Roma ospita l’Avellino davanti a 50.000 spettatori in una domenica che potrebbe regalare già matematicamente lo scudetto alla compagine giallorossa.

I giallorossi, grazie ai gol di Falcao, e alla storica esultanza di Di Bartolomei dopo un gran gol, vincono quella gara 2-0 e allungano a 4 punti sulla Juventus, vincendo la settimana dopo il loro secondo scudetto, dopo oltre 40 anni. Fu la partita dello “storico” abbraccio Scudetto, tra Agostino Di Bartolomei e Carlo Ancelotti. Infatti, dopo il 2-0 segnato nella ripresa, al 65′, Agostino urla e comincia a correre con le braccia distese e aperte e scivola sul terreno di gioco. Arriva vicino a lui Carlo Ancelotti, lo abbraccia. I due corpi diventano uno, le braccia si stringono. In questo abbraccio c’è tutto. E’ l’abbraccio storico dello Scudetto romanista 1982/83.

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord