Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Ranieri: “Allenare la squadra che tifi è un’altra cosa. Dietro i giovani è importante ci sia lavoro continuo” (VIDEO)

Le parole del tecnico giallorosso

L’allenatore della Roma, Claudio Ranieri, è intervenuto ai microfoni di Gazzetta.it, a margine dell’evento “Il calcio che amiamo”, organizzato da La Gazzetta dello Sport in collaborazione con il Ministero dell’Università e della ricerca scientifica, la FIGC e la Lega Serie A:

Il calcio come educazione, divertimento, integrazione. Nel calcio italiano quali di questi elementi manca, quali di questi elementi va sostenuto di più?
Credo ci siano tutti e tre gli elementi. Quel razzismo che si sente negli stadi è soltanto quella sciocchezza per prendere in giro in maniera sciocca il ragazzo che non ha la pelle chiara. Credo che il vero razzismo non ci sia o per lo meno in minima parte.

Lei parla spesso di giovani, ne allena di fortissimi (faccio un nome su tutti: Zaniolo). In che modo il calcio italiano può sostenere lo sviluppo dei talenti?
I talenti non ne nascono sempre, ma l’importante che dietro ci sia il lavoro continuo. Il nome che sta sulla bocca di tutti è quello di Ronaldo perché oltre al talento lui continua ad allenarsi come se fosse il primo giorno di allenamento, come se fosse ancora un bambino.

Si è divertito da quando è tornato ad allenare la Roma?
Molto! E poi allenare la squadra dove sei nato, dove hai fatto il tifo, dove sei andato allo stadio, in curva, in trasferta con la tua squadra del cuore, allenarla è tutta un’altra cosa.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra