Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Repubblica, “Olimpico in piedi, tributo a De Rossi. Cori anti-Pallotta”

“Siamo tutti molto tristi per Daniele”

C’hai rappresentao in campo per 18 anni, da oggi la tua Curva rappresenterà te in campo per sempre. Siamo tutti DDR“. Questa la scritta scelta dalla Curva Sud per salutare De Rossi, con centinaia di bandierine a sventolare intorno e il coro a lui dedicato intonato per cinque minuti pieni. Tantissimi poi gli altri striscioni e stendardi esposti dai quasi 63mila dell’Olimpico. In campo la Roma vince 2-1, grazie anche alla rete di Lorenzo Pellegrini, che a fine partita ha parlato così:

Siamo tutti molto tristi per Daniele, sopratutto per la persona oltre che per il calciatore. Nessuno di noi avrebbe voluto che accadesse, a piangere non è solo il cielo, ma tutti noi, gli voglio un bene dell’anima“. Piange anche Ranieri, sommerso da cori e ovazioni durante la partita. Non è riuscito a trattenersi di fronte allo striscione “Mr. Ranieri: Nel momento del bisogno hai risposto presente, adesso ricevi l’omaggio della tua gente“.

Polemico, invece, il saluto a Dzeko, che al momento dell’uscita viene prima sommerso dai fischi e poi appaludito dalla maggior parte dello stadio. La sua esperienza giallorossa è ai titoli di coda. Stesso discorso per Kolarov, probabilmente all’ultima con il club capitolino. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa