Resta in contatto

Prima Squadra

El Shaarawy: “Le aspettative erano diverse, potevamo fare di più. De Rossi ha dato anima e corpo per la Roma”

L’attaccante giallorosso: “Sono riuscito ad alternare le due fasi, quella offensiva e difensiva, con maggiore concretezza rispetto al passato”

Stephan El Shaarawy è stato uno dei protagonisti in positivo della stagione della Roma, trovando durante il corso dell’anno quella continuità spesso mancatagli in passato. Il Faraone si è concesso ai microfoni di RomaTV. Queste le sue parole:

Credo di essere maturato molto da quando sono arrivato qui. Sono stati tre anni in crescendo, dove ho acquisito maturità a livello calcistico e a livello mentale. Questo ha fatto sicuramente la differenza. Ho trovato quella continuità che mi è sempre mancata e personalmente credo che sia stata un’annata positiva. Le mie caratteristiche sono sempre state quella della generosità e della finalizzazione. Soprattutto sono riuscito ad alternare le due fasi, quella offensiva e difensiva, con maggiore concretezza rispetto al passato, quindi sicuramente è stato un anno importante dove mi son sentito protagonista e importante nella squadra.

Quest’anno ho avuto due mister che chiedevano molto lavoro agli esterni, ho sempre fatto la doppia fase ma quest’anno mi è stata richiesta con maggiore continuità e penso di averla data. Ho trovato più lucidità sotto porta e difensivamente. E’ stata una stagione veramente complicata, anche negativa perché da quando sono arrivato il livello di squadra è stato sempre quello più difficile. E’ cambiato allenatore, qualcosa a livello societario e nell’ambiente. All’inizio abbiamo fatto anche delle buone partite concretizzando poco, a livello difensivo abbiamo lasciato qualcosa, abbiamo lasciato tanti punti contro le piccole e questo ha fatto la differenza. Dovevamo essere più concreti sotto porta e attenti dietro. Potevamo dare qualcosa in più.

Le aspettative erano diverse, potenzialmente questa squadra è da prime posizione e sicuramente abbiamo lasciato tanto per strada. Non solo in campionato, ma anche in Coppa Italia poteva essere migliore il percorso, come in Champions. E’ stata una stagione negativa però da qua dobbiamo ripartire, mettere un punto e cercare di proiettarci subito alla prossima per fare meglio. Siamo sempre stati in Champions e l’obiettivo della Roma è di arrivare sempre a giocare in competizione importanti e fare bene lì. Se devo essere sincere c’è una partita che vorrei rigiocare ed è quella contro il Porto. Avrei voluto dare il mio contributo per cercare di vincere, non è stato così purtroppo. Il mio gol più bello? Ne scelgo due, contro la Samp, il primo, e quello contro l’Inter a San Siro

Chiusura, inevitabile, su De Rossi: “Ho sempre detto, un vero capitano, un vero leader, che ha sempre dato anima e corpo per questa maglia e città. Anche nelle ultime settimane si è sempre allenato a mille. Un grande esempio per tutti, è un esempio di romanismo e credo che sia un giocatore che mancherà a tutti“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra