Resta in contatto

Rassegna Stampa

Gasport, “Kluivert & El Shaarawy: «Guideremo la rinascita»”

“Credo di essere cresciuto molto da quando sono arrivato a Roma”

Stephan El Shaarawy, 26 primavere, è decollato verso il vertice del calcio italiano così presto da sembrare un veterano, mentre Justin Kluivert ha avuto addosso in fretta le stimmate del predestinato. Risultato: la Roma del futuro in attacco riparte da loro, nonostante il Faraone debba ridiscutere un contratto in scadenza nel 2020. Certo, entrambi hanno la cognizione che la prossima stagione debba essere quella del riscatto giallorosso, ma per potervi riuscire occorre innanzitutto avere fiducia nelle proprie qualità.

«Credo di essere cresciuto molto da quando sono arrivato a Roma – ha detto pochi giorni fa El Shaarawy, che nell’ultima annata è stato capocannoniere della squadra in campionato con 11 gol. Ho sempre alternato abbastanza bene entrambe le fasi, sia quella difensiva che quella offensiva – Quest’anno le ho raggiunte con maggiore continuità e soprattutto con ma maggiore concretezza. Sicuramente è stato un anno importante dove mi sono sentito un protagonista all’interno del gruppo». Meno scintillante è stata l’annata di Kluivert, chiusa con appena 2 reti. «È stata una stagione altalenante – ha spiegato dal ritiro della nazionale olandese – Personalmente però non posso lamentarmi, considerando che per me era il primo anno in Italia. 

Quello che volevo forse era giocare di più, fare magari più gol e assist, come un attaccante dovrebbe. Proprio per questo non vedo l’ora che inizi il prossimo campionato». Non manca un pensiero sull’addio di De Rossi«Tra vent’anni posso dire ai miei figli di aver giocato con lui». Lo riporta La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa